politica

Provincia di Latina, Medici in Senato per audizione su reddito di cittadinanza e quota 100

"Necessario potenziare i centri impiego. L'attuazione ha bisogno di essere analizzata bene"

LATINA – Il presidente della Provincia di Latina, Carlo Medici ha riferito ieri in Senato per l’Unione delle Province italiane, sulle perplessità degli enti locali in merito al Reddito di Cittadinanza e Quota 100. “L’aspettativa che si è creata intorno a queste misure sono indubbie, per questo occorre massima attenzione – ha spiegato Medici – Le nostre preoccupazioni sono per le procedure previste per l’attuazione delle misure, che sono estremamente complesse e vedono impegnate un ampio arco di soggetti istituzionali: Ministeri, Regioni, Province, Comuni, Inps, Anpal, Centri per l’impiego. Dobbiamo evitare che si creino inutili sovrapposizioni di conseguenze e conseguenti dispersione di energie, tempo e risorse”.

Il principale problema potrebbe essere rappresentato dai Centri per l’impiego, che rischiano di non riuscire a sopportare il carico di lavoro previsto dal Reddito di Cittadinanza.  “Dopo che la riforma delle Province non ha ricompreso questi servizi tra le funzioni fondamentali delle Città metropolitane e Province – ha ricordato Medici – sono rimasti in una sorta di limbo. Chiediamo massima chiarezza sulle figure professionali che saranno assunte, in particolare sui cosiddetti Navigator, il cui ruolo ci appare ancora non chiaramente precisato”.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto