audio

Furti in ville e in appartamenti, 10 arresti. Le indagini dopo l’uccisione di un ladro in Via Palermo a Latina

La squadra Mobile individua un gruppo criminale specializzato che ha messo a segno più di 100 colpi

LATINA – Dieci arresti: è scacco ad un gruppo criminale accusato di oltre 100 furti in ville e appartamenti messi a segno nel Lazio e in altre regioni del centro sud Italia. L’indagine è della squadra mobile di Latina ed è stata avviata dopo l’uccisione di un ladro in Via Palermo. Stamattina l’esecuzione delle ordinanze di custodia cautelare nei confronti di dieci persone tra cui due donne, tutti i di Napoli. Trasfertisti esperti, accusati oggi di associazione per delinquere finalizzata alla commissione di furti in ville ed appartamenti e di porto abusivo di armi.

“Il gruppo criminale  – spiega il dirigente della squadra mobile di Latina Carmine Mosca  – operava in occasione di eventi organizzati a teatro o nelle adiacenze di noti ristoranti dove le potenziali vittime arrivavano a bordo delle proprie autovetture. I destinatari delle misure in tali occasioni riuscivano a recuperare gli indirizzi degli appartamenti da svaligiare attraverso la consultazione della banca dati del registro automobilistico (ACI/PRA) che permetteva di risalire al luogo di residenza del proprietario dell’autovettura”.

Ne abbiamo parlato su radio Immagine, Radio Luna e Radio Latina con il dirigente della squadra Mobile Carmine Mosca

Il pericoloso gruppo criminale metteva a segno decine di furti soprattutto nei fine settimana, in diverse zone della Campania, delle Marche, del Lazio e dell’Abruzzo.

5 Commenti

5 Commenti

  1. Massimo Perrone

    Massimo Perrone

    14 Febbraio 2019 alle 8:30

    Con la speranza di non ritrovarsi un Giudice buonista che lascia liberi subito.

    • Roby

      14 Febbraio 2019 alle 11:29

      E sperando che non ci tocchi ,fra l’altro ,corrispondergli un risarcimento per molestie

  2. Danilo Calvani

    Danilo Calvani

    14 Febbraio 2019 alle 8:40

    BRAVI!!

  3. Laura Cataldi

    Laura Cataldi

    14 Febbraio 2019 alle 16:38

    Ottimo ..complimenti

    • Mariannasu

      15 Febbraio 2019 alle 11:19

      Basta buonismo, chi non rispetta la proprietà altrui deve pagare! Altro che condizionale buona condotta ecc.

Lascia un commento

Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto