attualita'

Giurano i 67 nuovi medici pontini, la metà vede il suo futuro all’estero

Premiati anche i medici che si sono laureati 70, 60, 50 e 40 anni fa

LATINA – Si è svolta oggi la decima edizione dell’annuale cerimonia dedicata ai medici della provincia di Latina, nella sala San Marco della Curia Vescovile in Piazza Paolo VI  a Latina dove hanno giurato i giovani medici ed odontoiatri della provincia e i loro colleghi che operano nel territorio da più di 40 – 50 – 60 e 70 anni e gli odontoiatri scritti all’albo da 30 anni. La cerimonia, organizzata dall’Ordine provinciale dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Latina presieduto da Giovanni Maria Righetti, ha lo scopo di far incontrare i medici con i neo laureati al primo approccio con la professione. A consegnare i riconoscimenti, come lo scorso anno, per i giovani, i rappresentanti delle istituzioni territoriali e delle associazioni di categoria, per i veterani invece, il Presidente della Provincia di Latina e i sindaci del territorio di appartenenza del medico. Il tema portante di quest’anno è: “Medico o Passacarte” Qual è il ruolo del Medico? Il cittadino come lo vuole? a sottolineare l’eccessiva burocratizzazione della professione ma, come ha sottolineato il Presidente dell’Ordine,  Giovanni Maria Righetti «cercheremo di riflettere su cosa ci si aspetta davvero dal medico, se è più comodo un semplice passacarte o se davvero il cittadino preferisce avere un parere professionale anche “diverso” dalle proprie aspettative – prosegue Righetti – durante la cerimonia ricorderemo anche gli argomenti che nel corso di questi dieci anni abbiamo trattato e per tutti ci sarà una sorpresa, un’anticipazione su un lavoro che l’Ordine segue da diversi anni e che sta per concludersi ».

“L’ordine è diventato un Ente pubblico, ma diciamo no alla deriva burocratica – ha detto Righetti – dobbiamo ricordarci che siamo una comunità, con gli stessi obiettivi indipendentemente dal ruolo”. “La sfida – ha detto il vescovo Mariano Crociata – è conservare il senso di umanità nel lavoro che svolgiamo. Anche uno sguardo, una stretta di mano e il contatto hanno la capacità di guarire”.
“Siamo felici di questa università perchè a Latina ha creato una comunità”, ha detto la presidente del corso di medicina di Latina Calogero a cui fa eco il presidente della facoltà di medicina Della Rocca: “Sono 15 anni che siamo qui a Latina e abbiamo attivato molti corsi legati alla realtà locale. Molti di noi soffrono della necessità di dover passare molto tempo a passare carte, ma da adempimento bisogna passare alla sostanza e fare in modo che i burocrati capiscano che noi facciamo i medici”.

I nuovi iscritti all’ordine dei medici di Latina sono stati 67 tra cui, 12 odontoiatri. Di questi, 28 sono donne, 39 uomini. Tra i medici la specializzazioni preferita è la Cardiologia, cui segue ginecologia, anestesia e dermatologia, quasi la metà dei medici pontini (il 45%) vede il suo futuro all’estero.

Per gli odontoiatri, i 12 neoiscritti sono 6 donne e 6 uomini.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto