l'intervista al dirigente Lifranchi

Nelle mense scolastiche di Latina, i prodotti a km0 del San Bendetto

L'iniziativa è della Vivenda. Si parte dell'istituto Emma Castelnuovo

LATINA – Sulle tavole delle mense scolastiche di Latina arrivano i prodotti caseari dell’Istituto Istruzione Superiore San Benedetto. Dopo l’annuncio della Vivenda Spa, che in Ati con la cooperativa Solidarietà e Lavoro gestisce il servizio di ristorazione nelle scuole del Comune laziale, si concretizza il nuovo progetto dell’azienda appartenente al Gruppo La Cascina.

Grazie a questa nuova importante iniziativa, che si aggiunge alle lezioni di educazione alimentare promosse da Vivenda Spa e Solidarietà sul territorio come “Mangiando s’impara” o “La lotteria dell’orto”, i piccoli alunni potranno gustare da domani i prodotti lattiero-caseari dell’istituto agrario pontino. Gli studenti del San Benedetto alternano teoria e pratica, affiancando alle lezioni dei professori la produzione di alimenti derivati dal latte. Una filiera a norma, controllata periodicamente dalla Asl e a una manciata di chilometri dalla scuola Emma Castelnuovo. E proprio dall’istituto di via Bachelet si cominceranno a servire formaggi silano di loro produzione, freschi e genuini. Ad assaporarli saranno oltre 500 bambini. Nelle prossime settimane saranno coinvolte le altre scuole di Latina: sulle loro tavole verranno serviti altre pietanze a seconda del menu del giorno.

ASCOLTA IL DIRIGENTE SCOLASTICO, VINCENZO LIFRANCHI

Con questa nuova iniziativa La Vivenda Spa e il Gruppo La Cascina, leader da quarant’anni nella ristorazione scolastica, confermano la loro attenzione ai temi della sana alimentazione e dei corretti stili di vita, avendo cura allo stesso tempo di promuovere realtà locali come l’istituto San Benedetto di Latina che è oggi un’eccellenza nell’Agro Pontino. Stagionalità dei prodotti, territorio e Km0, biologico, materie prime di qualità, principi del mangiar sano e consapevole sono i messaggi al centro delle politiche aziendali.

I vantaggi della filiera corta si evidenziano non solo nella riduzione di fattori legati all’inquinamento e riscaldamento globale (riduzione di trasporto e imballaggi), ma anche alla possibilità di acquistare prodotti locali più freschi e di stagione che non abbiano perso le proprietà organolettiche. È una scelta più sostenibile per l’ambiente, più economica e in grado di valorizzare le realtà del posto.

“In occasione della lezione di educazione alimentare ‘Mangiando s’impara’ avevamo promesso una nuova importante iniziativa per i bimbi del Comune di Latina”, spiega Vincenzo Stancampiano, direttore di produzione scuole area Centro per la Vivenda Spa. “Ora questo nuovo progetto vede la luce grazie al sostegno e alla collaborazione dell’Istituto Istruzione Superiore San Benedetto: dalle parole ai fatti per il benessere e la salute della giovane utenza di Latina”.

1 Commento

1 Commento

  1. Daniele De Marchi

    12 Marzo 2019 alle 15:50

    Stupendo, come ex alunno e avendo praticato la specializzazione in casearia nel 1999,e diplomato dopo sei anni, credo che sia un ottima iniziativa, il nostro preside del. Tempo MARIO Siciliano sarebbe orgoglioso di questa iniziativa.

    … Confermo che la qualità è veramente eccezionale usando tecniche molto artigianali, che conferiscono al prodotto quelle qualità organolettiche che si perdono nella industrializzazione… Veramente un passo avanti, poter tornare indietro.
    Saluti Daniele De Marchi.

Lascia un commento

Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto