INTERVISTA AL RESPONSABILE CAF

Latina, reddito di cittadinanza, nessuna fila a Caf e Poste

L'Inps di Latina invita alla calma: "C'è tempo, non abbiate fretta".

LATINA – Da questa mattina Caf e Poste Italiane sono attive per la presentazione delle domande per il reddito di cittadinanza, in questi mesi i Caf hanno lavorato molto sulle compilazioni degli Isee e oggi sono pronti con varie postazioni per la compilazione dei moduli. Al momento nessuna ressa davanti agli sportelli, “ma ci aspettiamo molte persone – spiega il responsabile Caf della Cisl, Daniele Castellani – perché secondo le compilazioni degli Isee fatte in questi mesi, più di 3.500 nuclei famigliari in provincia di Latina rientrano nelle soglie stabilite dal decreto, anche se ci sono alcuni paletti che impongono anche a noi una certa cautela”. “Non possiamo comunque impedire la presentazione delle domande – spiega Giorgio Carra, responsabile Caf della Uil – sarà poi l’Inps a vagliarle per dare un responso positivo o negativo”.

ASCOLTA DANIELE CASTELLANI

E l’Ente dovrà, entro aprile, comunicare l’accoglimento o il rigetto della domanda. “Invitiamo gli utenti a non chiedere ulteriori notizie nelle sedi provinciali – spiega il direttore dell’Inps di Latina, Vincenzo Maria De Nictolis – comprese le sedi di Aprilia e Terracina, fino alla comunicazione finale degli esiti. Assicuriamo comunque ogni iniziativa per la celere definizione delle istanze”.

“L’Inps – si legge in una nota dell’Ente – ha predisposto le procedure informatiche che consentiranno la ricezione delle domande, che potranno essere presentate agli sportelli postali utilizzando il modulo cartaceo predisposto dall’Inps e pubblicato sul sito Internet; on-line sul sito del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali www.redditodicittadinanza.gov.it, tramite le credenziali SPID 2; presso i Centri di Assistenza Fiscale (CAF).

Prima di presentare domanda gli interessati devono avere presentato una DSU (dichiarazione sostitutiva unica) finalizzata al rilascio di ISEE. Non è necessario allegare alla domanda alcun documento, né l’attestazione ISEE, che verrà abbinata alle domande in modalità telematica direttamente dall’Inps.
Per le domande accolte, Poste Italiane inviterà gli interessati presso i propri sportelli per il ritiro della carta Rdc. Si precisa che l’Inps sarà in grado di trasmettere a Poste Italiane il flusso degli ordinativi di accreditamento sulle carte Rdc già dal 15 aprile prossimo, in anticipo rispetto a quanto originariamente programmato”.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto