attualita'

167 anni di Polizia, le celebrazioni al Mof di Fondi

Prima cerimonia in Questura a Latina

LATINA – La Polizia di Stato celebra domani, mercoledì, il 167° anniversario dalla fondazione, alla presenza delle più alte cariche dello Stato. La “Terrazza del Pincio”, a Roma, ospiterà l’evento, durante il quale verranno consegnate le onorificenze e le ricompense ai poliziotti caduti in servizio, a quelli che hanno portato a termine importanti attività operative, e agli sportivi olimpici del Gruppo Fiamme Oro che hanno conseguito importanti risultati sportivi nel corso dell’anno. Quest’anno, inoltre, in occasione del centesimo anniversario dell’aquila, emblema della Polizia di Stato che accompagna l’istituzione sin dal 1919, con il suo portato di storia, valori, tradizione, sacrificio e abnegazione, è stata realizzata una medaglia commemorativa, raffigurante l’aquila dorata dalle ali spiegate. Ricorre quest’anno anche il 60° anno dall’istituzione dell’allora Corpo di Polizia Femminile, che ha dato possibilità alle donne di far parte della Polizia di Stato, ricoprendo a pieno titolo e a tutti i livelli un ruolo fondamentale. Infine al Quirinale, alle ore 16.00, si terrà il cambio della guardia con lo squadrone a cavallo in uniforme storico-risorgimentale e la Banda della Polizia di Stato, che eseguirà un concerto con alcuni dei brani più significativi del repertorio istituzionale.

LATINA – “Esserci sempre” è lo slogan che ha stimolato la Questura di Latina a scegliere come luogo della cerimonia il Mercato Ortofrutticolo di Fondi, luogo dall’elevato significato simbolico dove, negli anni, famiglie malavitose erano riuscite ad imporre profili di condizionamento sulle dinamiche interne del mercato e a detenere il monopolio del trasporto su gomma dei prodotti ortofrutticoli ad esso destinato. La cerimonia avrà inizio alle ore 11.00 presso la Sala Congressi del MOF, in Via Piemonte, 1, preceduta alle ore 08.45 da una commemorazione, in Questura, ai caduti della Polizia di Stato alla presenza del Prefetto di Latina Maria Rosa Trio.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto