indagini serrate

Colpo al Conad di via Ezio a Latina, la Polizia intercetta i ladri che speronano la Volante e poi scappano a piedi

La cassaforte caricata a bordo di un Fiorino è stata recuperata

LATINA – Hanno tentato il colpo intorno alle 2,15 di stanotte al Conad di via Ezio a Latina. I ladri arrivati con due mezzi, hanno manomesso il meccanismo di apertura del cancello, poi distrutto la vetrata laterale del supermercato quindi, una volta all’interno,   sradicato la cassaforte caricandola a bordo di un furgone. Sul posto dopo l’allarme arrivato al 113 è intervenuta la Squadra Volante della Polizia che ha intercettato due mezzi che uscivano  dal parcheggio del supermercato,  un Fiat Fiorino bianco ed una berlina di grossa cilindrata, che, dopo aver svoltato a sinistra, si dirigevano a tutta velocità contro  l’auto della polizia.

LA VOLANTE SPERONATA  – Una scena da film: solo grazie alla bravura dell’agente alla guida è stato evitato uno scontro frontale e dopo, aver invertito la direzione di marcia, la polizia si è messa all’inseguimento del furgone che raggiunto e affiancato all’altezza della  rotatoria di via Terenzio, per poi essere speronata dagli stessi malviventi, che con una manovra brusca e volontaria hanno urtato violentemente la fiancata sul lato passeggero. A quel punto i ladri hanno abbandonato furgone e cassaforte e sono fuggiti, dileguati nel buio tra la vegetazione. Poco dopo anche l’altra auto, la berlina, è stata trovata abbandonata in Via Enea.

FURGONE E BERLINA RUBATI IN PROVINCIA DI ROMA – Dagli accertamenti svolti dalla polizia è emerso che i due veicoli erano stati rubati nei giorni scorsi ad Anzio e a Fiumicino, per questo sono stati sequestrati.  All’interno del Fiorino c’era la cassaforte del Conad, forzata ma  chiusa.

Le indagini proseguono serrate per identificare la banda coordinate dal commissario Scifoni  con gli investigatori della squadra mobile e gli esperti della polizia scientifica che hanno svolto i rilievi nel supermercato e all’interno delle auto.

 

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto