attualita'

Salviamo le statue a Latina: obiettivo raggiunto

Raccolti 28 mila euro per le due Madri a Palazzo M

LATINA – E’ stato raggiunto l’obiettivo di 28.000 euro per la raccolta fondi “Salviamo le Statue” la cui missione è quella del restauro conservativo delle statue “La Madre rurale” e “La Madre”, opere dello scultore Ulderico Conti datate 1938 posizionate all’ingresso del Palazzo M a Latina. All’appello, rivolto a tutti coloro che amano Latina e hanno a cuore la memoria e il futuro di questa città, hanno risposto e contribuito in maniera significativa: il Consiglio Comunale di Latina, l’Assessorato alla Cultura del Comune di Latina, la Banca Popolare di Fondi, il Medical Pontino, il Lions Club Latina Host, l’Unione Cristiana Imprenditori e Dirigenti (UCID), l’Associazione Culturale “Anima Latina”, la Banca Popolare del Lazio, le Assicurazioni Loffredo, la Confcommercio Imprese per l’Italia Lazio-Latina, il Circolo Cittadino “Sante Palumbo”, il Centro Sociale Anziani “Vittorio Veneto”, il Comitato “Auguri Latina 86”, la Farmacia Farina, Rossana Rossetti, Ugo Redi Senior, Alfredo Cecconi, Rita Caratelli in collaborazione con l’Associazione Burraco e “Soroptimist” di Latina, Bruno Bulgarelli, oltre ad altri micro contributi di cittadini.
Domenica 30 giugno 2019 con inizio alle ore 18,30 presso l’azienda agricola “Mazzuferi” a Borgo Carso strada Campo Maggiore, “FACCIAMO FESTA INSIEME”, ricordando l’87º Anniversario della posa della prima pietra della città, attraverso la rievocazione storica della Trebbiatura – grazie al Gruppo Storico “TREBBIATORI PONTINI LITTORIA”, la mostra dei trattori d’epoca, la proiezione del filmato dell’Istituto Luce “Inaugurazione della Casa del Contadino” (dove erano ubicate le statue oggetto della raccolta fondi), la cerimonia di conferimento degli attestati di riconoscenza e gratitudine ai donatori; seguirà la cena campestre, il concerto del gruppo musicale “MeRitmiRi” con sonorità e canti della tradizione popolare e concludere con la riffa finale, per la quale si ringraziano le tante aziende ed esercizi commerciali che hanno contribuito a renderla ricchissima.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto