cronaca

Inchiesta Commodo, niente disoccupazione per i braccianti che hanno denunciato

La Uila Uil ha inoltrato una richiesta di accesso agli atti

LATINA – Oltre il danno, anche la beffa. Non prenderanno i soldi della disoccupazione i braccianti agricoli coinvolti nell’inchiesta “Commodo” contro il caporalato, e che prestavano servizio per la Agri Amici, l’azienda di Sezze Scalo per cui sono finiti in manette i titolari. In sostanza, facendo riferimenti al verbale dell’ispettorato del lavoro che parlava di prestazione fittizie, l’Inps, senza comunicare niente al lavoratore, ha annullato la disoccupazione e di conseguenza anche tutto quello che è correlato, come gli assegni familiari. “Il caporalato va combattuto sempre – spiega Giorgio Carra, segretario della Uila Uil di Latina – ma questi lavoratori, precari, stagionali e in molti casi sfruttati, devono anche essere sicuri che una denuncia contro i caporali non si ritorca contro di loro“. La Uila ha chiesto l’accesso agli atti per leggere i verbali dell’ispettorato del lavoro e capire come sia stato possibile per l’Inps cancellare la disoccupazione a lavoratori che sicuramente hanno lavorato più ore di quante dichiarate e che venivano inoltre sfruttati in un sistema di connivenze accertato dalla Procura.

ASCOLTA CARRA

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto