politica

Punti di primo intervento: la volontà è lasciarli operativi

Simeone (Fi) annuncia la convocazione della commissione sanità, per La Penna (Pd) si punta al potenziamento dell'offerta

LATINA – Torniamo a parlare dei punti di primo intervento. Il consigliere regionale di Fi Giuseppe Simeone ritiene necessario “intervenire nuovamente sul tema. Meno di un anno fa è stato approvato all’unanimità l’ordine del giorno per scongiurare la loro chiusura nel Lazio. Con una giusta programmazione si puo’ pensare di intercettare buona parte dei 100 mila accessi, indirizzandoli verso servizi nuovi. E magari solo una minima parte sarebbe destinata alle strutture d’emergenza dei principali nosocomi del territorio pontino. Si garantirebbe in questa maniera una rete assistenziale migliore, innalzando l’offerta, senza provocare un ulteriore ingolfamento dei Pronto Soccorso”. Simeone annuncia che convocherà la commissione Sanità, per affrontare il tema e fare chiarezza sul loro futuro.

Intanto in vista dell’incontro del 5 Settembre fra l’Assessore Regionale alla Sanità D’Amato, la Asl e i Sindaci dei comuni in cui sono collocati i Punti di Primo Intervento, Salvatore La Penna, consigliere regionale dei Pd fa sapere che si sta “lavorando in queste ore  affinché vi sia una posizione definitiva e determinata della Regione nella direzione del potenziamento dell’offerta sociosanitaria territoriale in termini di strutture, servizi, strumenti diagnostici. “Abbiamo registrato la piena disponibilità della Regione – prosegue – ad adottare tutte le soluzioni e le determinazioni possibili affinché vi sia il mantenimento dell’apertura h24 dei PPI; inoltre il 5 Settembre saremo in grado di presentare e confermare una serie di interventi sia riguardanti le strutture che gli strumenti diagnostici”

1 Commento

1 Commento

  1. Pierluigi Manetti

    Pierluigi Manetti

    24 Agosto 2019 alle 18:22

    Si decidessero

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto