la solidarietà del partito

Squarciate le ruote dell’auto del segretario della Lega e dell’Ugl

I fatti domenica sera nella zona pub mentre Armando Valiani si trovava in un locale

Shares

LATINA – Ha trovato tutte e quattro le ruote della sua auto squarciate Armando Valiani, dirigente regionale dell’Ugl e responsabile territoriale della Lega. I fatti domenica sera nella zona dei pub a Latina. All’uscita da un locale il sindacalista ha trovato l’auto in quello stato e ha allertato le forze dell’ordine. Sul posto la Polizia scientifica e la Digos per cercare di risalire agli autori di quello che da più parti è stato definito un atto intimidatorio da non sottovalutare. Lo dicono l’eurodeputato della Lega Matteo Adinolfi e il consigliere di maggioranza Fabio D’Achille. Ora la Polizia dovrà andare a fondo per capire se il doppio ruolo di Valiani non piaccia a qualcuno o se la manifestazione sulle morti bianche che si è svolta a Latina domenica mattina abbia avuto qualche conseguenza.

”La famiglia della Lega, a partire dai militanti di tutta la provincia, si stringe intorno al coordinatore comunale di Latina del partito Armando Valiani, al quale sono stati tagliati nei giorni scorsi i pneumatici dell’auto nel centro della città”, dichiarano in una nota il coordinatore regionale della Lega Francesco Zicchieri, il coordinatore provinciale del partito Silviano Di Pinto, il deputato e l’eurodeputato del Carroccio Claudio Durigon e Matteo Adinolfi e il capogruppo del partito in Consiglio regionale Orlando Angelo Tripodi.

”Sia fatta chiarezza sul gravissimo gesto – commentano gli esponenti della Lega –  probabilmente legato all’azione del partito sul territorio, di cui Valiani è uno dei protagonisti, il che dimostra come la Lega sia sulla strada giusta per rilanciare la città, la provincia e il Lazio. Rafforzeremo la nostra presenza sul territorio e non abbasseremo mai la guardia, ma sia chiaro: #siamotuttiArmandoValiani”, è il messaggio di Zicchieri, Di Pinto, Durigon, Adinolfi e Tripodi.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto