cronaca

Formia, due arresti della Polizia per estorsione e usura

La persona vessata era la stessa, i due pretendevano tassi del 400%

FORMIA – Ieri mattina la Polizia di Formia ha dato esecuzione ad un’Ordinanza di Misura Cautelare in Carcere emessa dal Gip di Cassino nei confronti di due persone residenti a Formia per i reati di Estorsione e Usura commessi separatamente ma nei confronti della stessa persona in difficoltà economica che aveva chiesto loro dei soldi. L’indagine è iniziata dopo la richiesta di aiuto arrivata al 113 da parte dei familiari della vittima che, seriamente preoccupati, hanno segnalato l’allontanamento da casa dell’uomo per presunti problemi economici. Le operazioni di ricerca e soccorso hanno permesso di rintracciarlo in una zona montuosa al confine della provincia di Frosinone, tra i Comuni di Campodimele e Pico. Una volta raggiunto ha negato l’esistenza di debito, ma le indagini hanno permesso di appurare che l’uomo da ben due anni era vittima di usura da parte dei due arrestati che, approfittando del suo stato di bisogno, gli avevano prestato, in più occasioni, somme di denaro con successiva richiesta di restituzione ad un tasso di interesse anche superiore al 400%.  Durante le perquisizioni domiciliari, sono stati trovati assegni dati a garanzia dei prestiti e sono state sequestrate somme in contanti di denaro e l’auto e la moto di uno degli arrestati a garanzia della restituzione degli interessi non dovuti, pagati dalla vittima.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto