sette azioni

Trasformazione digitale per il Museo Cambellotti di Latina

Si sfrutteranno i 230 mila euro ottenuti con il bando regionale

LATINA – Si chiama “Museo Cambellotti 4.0 – Il Museo della città: com’era, come sarà” ed è il progetto che si è aggiudicato 230 mila euro in un bando regionale con l’obiettivo di mettere il museo al centro dell’innovazione tecnologica.

Sette le azioni da fare entro il 2020: al piano superiore si svilupperanno dei laboratori di ricerca e didattici e verrà conservato il fondo di Oriolo Frezzotti che sarà messo a disposizione anche in digitale con un tavolo touch. Laboratori per le scuole sviluppando servizi educativi didattici. Al piano inferiore nuovi percorsi museali con tematiche che verranno sviluppate e collegate a Cambellotti. Una sala dedicata alle Città di Fondazione perché il museo pontino diventi il punto di riferimento e coordinamento del territorio. Sarà presente anche una sala ristoro e un book shop per promuovere le eccellenze del territorio. Il progetto è stato presentato  nel corso di una videoconferenza alla presenza del sindaco di Latina Damiano Coletta, dall’assessore alla Cultura Silvio Di Francia con  la dirigente del servizio Antonella Galardo (che ha annunciato la sua pensione a breve), di Giuseppe Viglialoro, Business Development Manager di Cisco System e della responsabile del Rup Elena Lusena.

“Oggi è una giornata importante – ha detto il sindaco di Latina, Damiano Coletta – inizia veramente la Fase 2 e inoltre è la giornata dei musei i cui valori identitari sono uguaglianza e inclusione. Con l’esperienza appena vissuta mettiamo insieme anche il valore della solidarietà. Ci siamo posti il problema del valore prioritario della cultura e abbiamo lavorato per farci trovare pronti alla riapertura dei musei, teatri e cinema. Da qui dobbiamo partire perché mai come ora ridare ai cittadini la possibilità di riapprezzare e godere della bellezza dell’arte fa parte della ripresa”. Le azioni non si fermano al Cambellotti: “Siamo in fase di arrivo per l’ultimazione dei lavori del teatro D’Annunzio e della biblioteca Manuzio, nell’ultimo bilancio abbiamo reperito le risorse per partire con il progetto casa della musica e a breve ci sarà l’aggiudicazione della gara per la riqualificazione dell’ex Garage Ruspi. Quattro siti che sono al centro della città e sono identitari”, ha detto il primo cittadino.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto