intervista a Maria Grazia Ciolfi

Un “Borghetto marinaro” per Latina, il Comune lavora alla stagione balneare

Ingressi su prenotazione, distanziamento e linee guida da seguire per la salvaguardia della salute

LATINA – Anche se le incertezze sono ancora tante, gli operatori balneari stanno iniziando a istallare le attrezzature per la stagione estiva sul lungomare di Latina. Il Comune sta lavorando insieme a Regione Lazio e Governo centrale per trovare soluzioni che consentano agli operatori di lavorare bene seppure in una stagione che prevederà sicuramente un distanziamento maggiore tra ombrelloni, prenotazioni e ingressi contingentati. Uno sguardo anche alla spiaggia libera dove gli ingressi dovranno in qualche modo essere controllati per non sovraffollare i luoghi.

Per venire incontro agli operatori però, il Comune sta valutando la possibilità di sfruttare piazzali e aree normalmente utilizzate come parcheggi per consentire alle attività di ristorazione di recuperare i posti a sedere ridotti per via del distanziamento sociale, necessario per evitare la diffusione del coronavirus. “Si potrebbe pensare a un vero e proprio Borghetto marinaro”, spiega Maria Grazia Ciolfi, consigliera Comunale con delega alla marina. “Si sta anche valutando la possibilità di chiedere di utilizzare spazi di aree demaniali e tratti di spiaggia libera, ma su questo dovrà procedere il Servizio Demanio e sarà comunque necessario un confronto con la Regione Lazio per verificarne la fattibilità”.

Con Maria Grazia Ciolfi abbiamo parlato questa mattina di diretta su Radio Immagine di idee e proposte per non perdere questa stagione balneare.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto