attualità

“Benessere nella progettazione urbana”, ecco come cambierà il parco di San Martino

Il progetto è stato approvato dalla Regione Lazio

PRIVERNO – La Regione Lazio ha approvato il progetto: “Benessere nella progettazione urbana”, un percorso benessere e salute da vivere nel Monumento Naturale di San Martino che lo vedrà trasformato in un’immensa area playground. Il progetto prevede 3 luoghi di azione:  Il potenziamento dell’AREA GIOCO BIMBI, meglio attrezzata con giochi per bambini da 4 a 14 anni, in legno e/o altri materiali compatibili e conformi alle norme di sicurezza, con altalene, reti per salto, scivoli e torrette per arrampicata e la realizzazione di 2 gazebo come area di sosta riparata e protetta e di un comodo numero di sedute e tavoli in legno.

UN PARCO AVVENTURA, ideato e concepito con percorsi sospesi sugli alberi, con gradi di difficoltà facile e media, che favoriranno, oltre l’aspetto ludico-sportivo, anche quello naturalistico, ovviamente senza compromettere la sicurezza e l’armonia di habitat e specie di particolare pregio.

UNA ZONA SPORT, da realizzare con attrezzature utili ad attività quali percorsi con salto ad ostacoli, panche, strutture per arrampicata, stretching etc.
Tutto il percorso benessere e salute sarà realizzato con materiali compatibili con i luoghi stessi, all’interno di un polmone verde in cui il bosco favorisce l’abbattimento di CO2 e polveri sottili.

Con la realizzazione di queste nuove strutture, il sito di San Martino conterà su un’offerta ludico sportiva più ricca, destinata ad ogni fascia di età, capace di offrire momenti di svago ma anche opportunità di incontro e di socializzazione.

Un ulteriore impegno che si va concretizzando nel progetto di valorizzazione pensato dall’Amministrazione per San Martino che ha già portato a segno obiettivi importanti come il riconoscimento di Dimora storica attribuito alla Villa e quello di Monumento naturale al Bosco e l’affidamento della gestione della Villa e delle altre strutture perché possano produrre opportunità di lavoro e di sviluppo culturale e turistico.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto