attualità

Latina, Confcommercio e Confesercenti chiedono l’apertura della ztl

Dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 15

LATINA – Porta la firma del Commissario di Confcommercio Latina, Annalisa Muzio e del Presidente di Confesercenti Latina, Susanna Gloria, la richiesta al Comune di Latina per rimodulare gli orari di apertura e chiusura della Ztl del centro storico di Latina. Le due associazioni chiedono l’apertura della ZTL dal lunedì al venerdì, dalle ore 9 alle ore 15 dopo un incontro con i commercianti del centro penalizzati, in questo momento di emergenza legata al Covid, soprattutto per la chiusura, durante la settimana, delle principali via di accesso al centro di Latina.

“In questo momento di emergenza e grande difficoltà economica per tutti gli esercenti – spiega il Commissario di Confcommercio, Annalisa Muzio – non potevamo non decidere di fare rete tra associazioni di categoria. Lo scopo di questa richiesta, inviata al Comune di Latina, è quella di chiedere, su suggerimento di alcuni commercianti della Ztl, di prevedere nuovi orari per l’apertura e la chiusura della zona a traffico limitato. Ringrazio il Presidente di Confesercenti Latina, Susanna Gloria, per avere deciso di condividere questa iniziativa da valutare, speriamo a strettissimo giro, con il Sindaco, Damiano Coletta, e l’Assessore alle Attività Produttive, Simona Lepori”.

“Nel corso dell’incontro richiesto al Comune di Latina – spiega ancora l’avv. Muzio – presenteremo anche una serie di proposte per programmare il periodo di dicembre. Nonostante tutte le difficoltà – aggiunge il presidente di Confesercenti Susanna Gloria – e la crisi economica che stiamo vivendo, non possiamo non dare risposte ai commercianti che vogliono continuare a lavorare e vogliono farlo al meglio, come sempre. Crediamo che in una situazione disperata come quella attuale, che segna un fortissimo calo delle vendite, sia importante ascoltare le richieste di chi, ogni giorno, apre il proprio negozio sperando di riuscire quantomeno a coprire le spese. Cerchiamo risposte concrete – conclude l’avv. Muzio – per un settore fortemente penalizzato da una crisi che rischia di durare ancora parecchi mesi e di avere ripercussioni per parecchi anni”.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto