cronaca

Fallimento Circe, interdizione per sette professionisti di Latina

Sequestro preventivo per un milione e mezzo di euro

LATINA – La Guardia di Finanza di Latina ha dato esecuzione ad un’ordinanza di applicazione della misura cautelare interdittiva del divieto temporaneo di esercitare la professione per un anno nonché ad un decreto di sequestro preventivo del valore di 1.500.00,00 euro emessi dal G.I.P. presso il locale Tribunale pontino, su richiesta della locale Procura della Repubblica, nei confronti di sette professionisti operanti in Latina (cinque commercialisti, un avvocato ed un consulente del lavoro), tutti indagati per il reato di turbata libertà del procedimento di scelta del contraente nell’ambito di procedure fallimentari, trasferimento fraudolento di valori e reimpiego di denaro, beni o altre utilità di provenienza illecita.

Le indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica di Latina e condotte dal Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria della Guardia di Finanza del capoluogo pontino, traggono origine dalla denuncia presentata da un’imprenditrice successivamente alla dichiarazione di fallimento in proprio e di una società di persone al lei riconducibile.

Le attività investigative hanno permesso di accertare numerose anomalie ed evidenti conflitti di interesse fra i professionisti a vario titolo intervenuti nelle fasi della procedura fallimentare nonché nelle altre procedure collegate. In particolare è emersa l’esistenza di un “accordo illecito”, finalizzato a sottostimare il patrimonio dell’imprenditrice, essenzialmente costituto da un unico immobile – posseduto per il tramite di una società di capitali – adibito ad albergo in Terracina, nei pressi del lungomare, per poi acquistarlo a prezzi notevolmente inferiori a quelli di mercato. Infatti, nella fase iniziale della procedura, l’immobile, valutato oltre 4 milioni di euro, era stato oggetto di pignoramento nel corso della misura esecutiva disposta dal Tribunale per essere poi venduto all’asta, andata, invece, deserta. Le successive operazioni di liquidazioni ideate dai professionisti si sono sostanziate nella liquidazione delle quote della società di capitali di proprietà della fallita (socia unica) e non più nella vendita diretta dell’immobile. A tal fine è stato artatamente gonfiato il passivo della società per giungere ad un valore del patrimonio netto e, conseguentemente, delle quote, inferiore al reale, producendo così l’effetto di poter acquisire la società e la sua unica attività, ad un prezzo economicamente molto vantaggioso, in danno della curatela e dei creditori.

La realizzazione del disegno criminoso è stata possibile grazie alla:

­       divulgazione, al di fuori della procedura, di informazioni commerciali “sensibili”, destinate a costituire patrimonio informativo della vendita fallimentare, che ha comportato la distorsione della procedura concorsuale, inducendo gli organi preposti a privilegiare la procedura di liquidazione delle quote della società di capitali in luogo del pignoramento immobiliare dell’albergo;

­       sottostima del valore delle quote della società di capitali attraverso una perizia artatamente prodotta nell’ambito della procedura esecutiva dal perito “estimatore” il quale, successivamente, in spregio ai requisiti di indipendenza previsti dalla legge si è poi prestato ad assumere, per conto degli acquirenti, l’incarico di “attestatore” al fine di evitare che altri potessero mettere in evidenza le gravi incongruenze relative alla procedura di valutazione delle quote.

Tali comportamenti hanno permesso agli indagati di acquistare, per il tramite di prestanome, le quote della società proprietaria dell’immobile ad un prezzo notevolmente inferiore al reale valore di mercato, diventando di fatto indirettamente proprietari dell’immobile che veniva immediatamente rivenduto, realizzando un profitto pari a circa 1.500.000 euro.

In tale contesto, le indagini hanno permesso di scoprire come l’acquisizione dell’albergo e la sua “istantanea” rivendita era stata ideata fin dall’inizio grazie alla diretta conoscenza da parte degli indagati, per ragioni dei rispettivi uffici, dell’interesse all’acquisizione da parte di un imprenditore del settore turistico. Tali informazioni “privilegiate”, in uno con gli incarichi ricoperti, hanno permesso agli indagati di esercitare sulla curatela un’influenza indebita, distorcendo le fisiologiche dinamiche della procedura fallimentare.

Il quadro investigativo è stato delineato dalla Fiamme Gialle pontine grazie ad una certosina opera di ricostruzione dei fatti mediante l’esame di copiosa documentazione contabile ed extracontabile relativa alla vicenda fallimentare, agli atti della procedura ovvero rinvenuta su supporti informatici ed acquisita nel corso di mirate perquisizioni disposte dall’A.G. che ha costantemente coordinato le indagini, imprimendo il giusto impulso alla vicenda giudiziaria. Il tutto è stato supportato da mirate attività tecniche che hanno permesso di ascoltare dalla diretta voce degli indagati, gli accordi intervenuti.

L’attività portata a termine dalle Fiamme Gialle del Comando Provinciale di Latina con l’operazione odierna, testimonia il costante impegno profuso dall’Autorità Giudiziaria e dal Corpo verso il contrasto di quelle forme di illegalità che minano il corretto funzionamento dell’economia legale, alterando le regole di libera concorrenza del mercato, per lo più, nel caso di specie, poste in essere da professionisti cui era invece affidata la regolarità e la correttezza della procedura, a tutela dell’ordine pubblico economico nel suo complesso, dei creditori e dei dipendenti.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto