cronaca

Coronavirus, nei primi giorni di febbraio 1.456 nuovi positivi in provincia

Sale l'indice Rt che si avvicina a 1. Possibile una nuova zona gialla

LATINA – I numeri del contagio da Covid in provincia di Latina si stanno stabilizzando, seppure risultino ancora alti rispetto alle altre province del Lazio. Nei primi 13 giorni di febbraio i positivi sono stati 1.456, nello stesso periodo di gennaio, invece si era arrivati a 2.700, quasi il doppio. I decessi invece sono stati nel solo mese di febbraio 31, pressochè stabile rispetto a ai primi 13 giorni di gennaio quando erano stati 34. In totale, dall’inizio della pandemia i decessi in provincia sono stati 378.

Ieri i positivi sono stati 113, 1 decesso sull’isola di Ventotene e 138 i guariti, nel Lazio i positivi, su oltre 30 mila test tra tamponi molecolari e antigenici, sono stati 1.060. 21 i decessi e 1.810 i guariti. Diminuiscono i casi, i decessi, i ricoveri e sono stabili le terapie intensive. Il rapporto tra positivi e tamponi è a 8%, ma se consideriamo anche gli antigenici la percentuale scende sotto il 4%. L’indice Rt si avvicina di nuovo a 1 quindi c’è il rischio che la prossima settimana il Lazio possa tornare arancione nel caso in cui i contagi dovessero continuare a salire.

Sul fronte vaccini, nel Lazio complessivamente sono arrivate a 275 mila le inoculazioni, di cui 15.400 nel territorio pontino. Di queste 2 mila hanno interessato gli over 80. Da domani partiranno inoltre le somministrazioni del vaccino Astrazeneca. Sarà destinato in prima battuta al personale sanitario, medici libero professionisti e farmacisti, under 55, che avevano manifestato la volontà di ricevere il siero ed erano rimasti esclusi a causa della carenza delle dosi del siero Pfizer. Nel territorio pontino due centri vaccinali sono individuati all’ospedale di Terracina e presso il centro sociale di via Vittorio Veneto a Latina.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In Alto