sport

La Top Volley torna in campo nel test match con Vibo

Kovac: «Mi ritengo soddisfatto da questo allenamento»

CISTERNA – La Top Volley Cisterna ha sostenuto l’allenamento congiunto a Pontecagnano (Salerno) contro il Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia. Per i pontini il test match era necessario per riprendere il ritmo di gara in vista della partecipazione ai play-off per il quinto posto, appendice al campionato di Superlega Credem Banca che assegna un posto nella prossima Challenge Cup. Tutti i giocatori a disposizione hanno preso parte alla partitella disputata sulla distanza concordata di cinque set, tutti a 25. Per la cronaca è stata la formazione di Vibo a spuntarla dopo che la Top Volley aveva recuperato dallo svantaggio di 0-2 al 2-2 con cui s’è chiuso il quarto parziale.  «Complessivamente mi ritengo soddisfatto di quanto ho visto perché è stato un test interessante, a noi serviva molto per ritrovare il ritmo partita e ho visto alcune cose buone come la reazione nel terzo e quarto set in cui abbiamo giocato – chiarisce coach Boban Kovac a fine allenamento – le cose su cui dobbiamo lavorare sono ancora molte ma vogliamo riscattarci in questo play-off per il quinto posto che verrà anche se la pausa senza partite ufficiali è veramente molto lunga. Nel test con Vibo non mi è piaciuto il fatto che nel finale del primo set potevamo chiudere a nostro vantaggio e non l’abbiamo fatto e poi siamo entrati male nel secondo parziale subendo molto in avvio, su questo dobbiamo ancora lavorare perché sono le cose che ci succedevano anche durante la regular season e dobbiamo essere attenti in queste situazioni».

Samuel Onwuelo ha totalizzato 13 punti con il 67% in attacco. «Dobbiamo considerare questo allenamento come un buon test che mostra il lavoro che stiamo facendo in questo periodo, certo ci sono ancora alcune cose da sistemare ma ci stiamo lavorando e siamo contenti di come sono andate le cose».

In avvio di partita coach Boban Kovac ha schierato Seganov in palleggio opposto a Sabbi, Tillie e Randazzo laterali, Szwarc e Krick centrali con Cavaccini libero, poi a metà match cambio della diagonale con Sottile e Onwuelo in campo, spazio anche a Rossi al posto di Szwarc, dentro anche Cavuto, Rossato e Rondoni. Dall’altra parte della rete coach Baldovin ha risposto con Saitta in regia opposto ad Aboubacar, di banda Defalco e Rossard, centrali Cester e Chinenyeze con Rizzo libero. Anche per i calabresi spazio a tutti i giocatori a disposizione con eccezione di Fioretti e Mariano.

Il primo set è stato caratterizzato dall’equilibrio (9-9, 12-14, 18-19) e fino al 23-23 si è giocato praticamente sempre punto a punto: qualche errore dei pontini ha favorito i calabresi che l’hanno spuntata 24-26 ai vantaggi. L’avvio di secondo set non è stato positivo per la Top Volley (2-11) poi però Tillie e soci hanno voltato pagina e ricucito progressivamente lo svantaggio accumulato chiudendo 18-25. Nel terzo risposta importante con Randazzo protagonista di sei punti (67%) nel set e una percentuale di attacco di squadra superiore a Vibo: sul 16-16 l’equilibrio scricchiola, la Top è determinata e piazza il primo strappo dal 17-17 al 20-17 con il 22-19 che è il preludio all’ace di Tillie che chiude i conti 25-23. Quarto parziale tutto di marca pontina (9-7 e 11-8) con un break importante dal 13-10 al 15-10 e le cose girano bene anche nel finale (20-14 e 23-16) fino al 25-19 che arriva con il primo tempo di Szwarc. Il quinto parziale è stata la fotocopia del primo set: equilibrio totale (7-6, 15-13 e 18-18) fino al 22-22 poi qualche errore di troppo ha permesso a Vibo di chiudere 22-25.

Successo social per la diretta streaming dell’allenamento congiunto che ha coinvolto molti appassionati sulla pagina Facebook della Top Volley mentre, fuori dal campo, è stata posticipata di qualche giorno la ripartenza di #Accendiamoilrispetto il progetto etico di Top Volley con il supporto di AbbVie contro il bullismo, cyberbullismo, rispetto delle regole e inclusione delle diversità che avrebbe dovuto coinvolgere gli studenti dell’istituto Rosselli di Aprilia.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto