cronaca

Latina, percepivano il reddito di cittadinanza non avendone diritto, scovate dai Carabinieri

Le indagini hanno riguardato la famiglia Di Silvio

LATINA – A conclusione degli accertamenti svolti dal Comando Carabinieri per la Tutela del Lavoro – Nucleo Ispettorato del Lavoro di Latina, nel settore dei redditi di cittadinanza indebitamente percepiti in provincia, da giugno 2020 a gennaio 2021 sono state verificate numerose domande presentate da vari appartenenti alla nota famiglia rom Di Silvio. Da  giugno a ottobre 2020 sono state individuate due domande presentate ad ottobre 2019 tramite patronato “E.N.A.C.” del capoluogo, per un reddito indebitamente percepito da novembre 2019 a novembre 2020 per oltre 10.000 euro ciascuno, a nome di: Angela DI SILVIO detta “Stella”, moglie di Samuele DI SILVIO e nuora di Armando DI SILVIO detto “Lallà” per un nucleo familiare composto dalla richiedente più quindici soggetti dichiarati conviventi, tra i quali risultavano beneficiari cinque uomini sottoposti a misure cautelari in carcere e quattro donne, compresa se stessa, agli arresti domiciliari, in relazione al procedimento penale della Direzione Distrettuale Antimafia di Roma nell’operazione di polizia « Alba Pontina »; Genoveffa Sara DI SILVIO che dichiarava tra i beneficiari la stessa, agli arresti domiciliari, più 3 persone, fra cui il consorte Federico Arcieri, detenuto in carcere, per essere imputati sempre nel nominato procedimento « Alba Pontina» che sono state denunciate alla Procura della Repubblica di Latina, sia per l’illegittimo beneficio percepito, sia  per l’evasione dagli arresti domiciliari commesso nell’atto di presentare le istanze negli uffici del patronato, a cui conseguiva comunicazione all’INPS da parte del suddetto Nucleo Carabinieri,  per la revoca dell’emolumento indebitamente percepito;

La seconda domanda è stata presentata da Francesca DE ROSA, nuora del capo famiglia Armando DI SILVIO, detto “Lallà”, sottoposta agli arresti domiciliari in relazione al procedimento penale della Direzione Distrettuale Antimafia di Roma nell’operazione di polizia « Alba Pontina », la quale originariamente inserita nel nucleo di reddito dell’anno 2019, della Angela DI SILVIO di cui sopra, si distaccava nel tentativo di aggirare la precedente revoca e percepire nuovamente il contributo, inviando una nuova istanza datata ottobre 2020 con un nucleo familiare diverso,  riuscendo in frode alla legge a percepirne la quota di reddito del mese di novembre 2020 per € 821, immediatamente interrotto e revocato con richiesta dello stesso  Nucleo Carabinieri operante all’INPS competente.

Tra novembre e dicembre 2020 sono state presentate due domande da Angela DI SILVIO e Genoveffa Sara DI SILVIO, rispettivamente ad ottobre e dicembre 2020, per richiedere un ulteriore reddito di cittadinanza, nelle quali, come per le precedenti, veniva omesso di comunicare la posizione giudiziaria propria e dei rispettivi familiari, facendo si che l’Istituto previdenziale, tratto nuovamente in inganno, le riapprovasse e ponesse in riscossione il contributo. Nel contesto la Angela DI SILVIO riusciva a percepire una sola mensilità dell’illecito contributo, venendole definitivamente interrotta con revoca a seguito dell’immediata segnalazione da parte del Nucleo Carabinieri procedente, al citato Istituto. Entrambe le suddette DI SILVIO venivano nuovamente deferite alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Latina.

Tra gennaio e febbraio 2021 è stata individuata una domanda presentata a marzo 2019 da Antonietta DI SILVIO con allegata una Dichiarazione Sostitutiva Unica autocertificata dalla DE SILVIO Rossana, membro del nucleo familiare composto da sei persone, di cui nessuna effettivamente residente con la richiedente, cosa che determinava il deferimento della Antonietta DI SILVIO per il reato di indebita percezione del reddito di cittadinanza per 11 mesi, da aprile 2019 a febbraio 2020, per un totale di circa 9.400 euro, in concorso con la Rossana DE SILVIO, responsabile di aver commesso falsità in atti e dichiarazioni.

I Carabinieri hanno accertato che Rossana DE SILVIO, insieme ad Argentina DE SILVIO, inserita tra le sei persone di cui alla predetta istanza di reddito, risultavano deferite all’A.G. in data 13 dicembre 2019 dalla Tenenza Carabinieri di Sora, con l’analoga imputazione di indebita percezione del reddito in conseguenza di precedente domanda nella quale venivano comunicate false dichiarazioni di attestazioni economiche.

Un’ulteriore domanda datata 12 febbraio 2020 è stata presentata da SICIGNANO Daniele, appartenente al clan “DI SILVIO”, già tratto in arresto in relazione al procedimento penale della Direzione Distrettuale Antimafia di Roma nell’operazione di polizia « Alba Pontina », e presentata durante il successivo regime cautelare dell’obbligo di presentazione alla P.G.”, in pieno contrasto con la normativa in materia, la quale richiede tra i requisiti necessari per ottenere il beneficio la mancanza di misure cautelari personali in atto, comportando le false attestazioni da parte del richiedente, le quali inducevano in errore I.N.P.S. che riconosceva il beneficio, successivamente non erogato per altre cause indipendenti dalla volontà illecita dell’instante in relazione al superamento della soglia massima di reddito familiare;

A marzo i Carabinieri hanno svolto accertamenti connessi all’istanza presentata dalla Francesca DE ROSA,  acclarando che il 28 gennaio 2021 ha ottenuto una carta di identità elettronica valida per l’espatrio rilasciata dal Comune di Latina. Dalle verifiche risultava, infatti, che l’interessata il 05 dicembre 2019, sottoscrivendo e dichiarando  falsamente di non averne cause ostative, ed inducendo in errore l’ufficiale di stato civile dell’anagrafe, otteneva il documento di identità valido per l’espatrio nonostante non ne avesse i requisiti di legge richiesti. A seguito di quanto appurato, sia per la pratica di reddito di cittadinanza ottenuto in frode alla legge che relativamente all’illegittimo documento di identità valido per l’espatrio, veniva richiesto ed ottenuto dall’Autorità Giudiziaria latinense titolare dell’indagine un « decreto di perquisizione nell’abitazione della Francesca DE ROSA, per la ricerca della carta postale di accredito del reddito e del documento di identità », entrambi rinvenuti e sottoposti a sequestro il giorno 03 marzo 2021. In detto contesto veniva anche individuata sia la domanda di attestazione ISEE presentata dalla Francesca DE ROSA ed utilizzata dalla DI SILVIO Angela per l’illecita istanza di reddito presentata ad ottobre 2019, sia un’ulteriore domanda per “reddito di emergenza” datata 15 ottobre 2020 e respinta dall’I.N.P.S. poiché già beneficiaria nella domanda della Angela DI SILVIO datata 2019.

 

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto