cronaca

Morto il dj Claudio Coccoluto, Gaeta piange la sua scomparsa

Il ricordo del collega Leandro Da Silva e del sindaco Cosmo Mitrano

GAETASi è spento all’età di 59 anni il dj Claudio Coccoluto, originario di Gaeta, dove aveva iniziato la sua professione in radio e poi in discoteca, diventando presto uno dei dj più famosi in Italia e non solo. Claudio Coccoluto è morto per una malattia che lo aveva colpito un anno fa e vicino a sé, nella sua casa di Cassino, aveva moglie e figli.

IL NEGOZIO DI ELETTRODOMESTICI A GAETA – Lo saluta il sindaco di Gaeta, Cosmo Mitarno:  “Gaeta piange la scomparsa di Claudio Coccoluto. Un brusco risveglio, una notizia che ci ha riempito di dolore e sconcerto. Tutti conoscono il suo esordio quando ha iniziato a fare il Dj a 13 anni, per hobby, nel negozio di elettrodomestici del padre. Da qui è partita la sua brillante carriera diventando un Dj di statura internazionale e protagonista dell’avanguardia in consolle, tra i capostipiti della house music per oltre quarant’anni. Ha portato in tutto il mondo il nome di Gaeta, un ambasciatore della nostra città, a lui dobbiamo molto. Ricordo, in particolar modo, il capodanno 2017 di Gaeta, una serata indimenticabile per tutti noi che aveva organizzato con un altro grande amico che ci ha lasciati troppo presto, Dino Pascali. Claudio Coccoluto si è spento stamattina tra l’affetto della moglie Paola e dei figli Gianmaria e Gaia. A loro e a tutti i suoi familiari giungano le nostre più sentite condoglianze. Caro Claudio, Gaeta ti è grata ed è onorata di averti avuto come figlio. Gaeta non ti dimenticherà mai”.

Tra i tanti ricordi, quello del collega di Latina Leandro Da Silva: “Essere un dj vuol dire saper aggirare l’ovvietà’”. Oggi se ne va uno dei grandi miti della mia adolescenza. Ricordo quando io un ragazzino spaesato sono arrivato a lavorare a Radio Deejay e mi sono trovato davanti ad un gigante come lui. Claudio super gentile mi invitó nel suo programma C.O.C.C.O. e mi disse “ragazzo mi piace la tua curiosità, vieni a trovarmi in diretta quando vuoi”. Da li ogni weekend ero in studio a spiarlo nei suoi dj set. Ho perso memoria di quanti locali ho girato per ascoltare i suoi set, mai scontato e sempre originale. Tanta tristezza. Riposa in pace Maestro”.

Tutto il mondo dello spettacolo e della radio piange la sua scomparsa ricordandone la bravura unita all’impegno anche civile, per esempio sul fine vita. Il Ministro alla Cultura Franceschini ha scritto: “Con Claudio Coccoluto scompare un protagonista della scena creativa italiana e internazionale che con le sue note e la sua musica all’avanguardia ha fatto ballare intere generazioni di ragazzi e ragazze. Un artista che amava la contaminazione delle arti. Mancherà a tutti noi”.

Stasera al Festival di Sanremo lo ricorderà Amadeus come ha annunciato il conduttore appena appreso della scomparsa.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto