cronaca

Perseguita un parroco di Latina per avere soldi, arrestato dalla Polizia

Il religioso si è visto puntare contro anche una pistola

LATINA – La Polizia di Stato ha arrestato un 60enne pregiudicato del posto, per estorsione aggravata in flagranza. Ieri sera l’uomo si è presentato presso l’abitazione del parroco di una Chiesa del centro città, adiacente il luogo di culto: dopo aver citofonato insistentemente ed avuta certezza della presenza del sacerdote, lo ha minacciato di farsi dare dei soldi. Il prelato già da mesi subiva perduranti e reiterate richieste di soldi, anche due, tre volte a settimana, dall’arrestato.

Ieri sera, di fronte ad urla e minacce, è rientrato in casa con una scusa e ha avvisato il 113: in attesa della Polizia, il sacerdote è tornato davanti al cancello di casa e, con la speranza di interrompere la condotta violenta dell’uomo, gli ha consegnato una banconota da dieci euro. Presi i soldi, l’aggressore si è allontanato a piedi ma è stato immediatamente fermato dalla Volante intervenuta. Dalla perquisizione effettuata sul posto, è spuntata la banconota.

Un comportamento che ha esasperato il sacerdote. In una circostanza, il malvivente, non soddisfatto del poco denaro, aveva danneggiato le fotocellule del cancello d’ingresso alla chiesa, in un altro episodio il citofono elettronico del cancello di ingresso alla sagrestia, fino a giungere a lunedì scorso quando si era presentato in chiesa e aveva estratto dalla cintola una pistola – risultata poi un’arma ad aria compressa – e dopo avergliela puntata al volto, prendeva il denaro che il religioso, terrorizzato, gli ha consegnato. Nelle scorse settimane, in occasione di un ennesimo episodio, il parroco è stato anche colto da un malore e ricoverato per giorni a causa del grave e permanente stato d’ansia cui versava. Il persecutore, finito in manette, è nel carcere Regina Coeli di Roma.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto