cronaca

Bomba nel porto di Formia, ieri è stata fatta brillare al largo di Punta dello Stendardo

L'ordigno era stato trovato domenica da un sub della Guardia Costiera

FORMIA – In occasione delle attività subacquee di indagine archeologica, nell’ambito dei lavori di adeguamento funzionale degli scivoli e delle banchine del molo “Vespucci” del porto di Formia, domenica scorsa l’operatore subacqueo ha trovato, all’interno del bacino portuale, un presunto residuato bellico, semi affiorante dal fondale marino roccioso misto a fango, ad una profondità di circa sette metri.

Fortunatamente, l’ordigno si trovava adagiato in un lato del porto non interessato dall’intenso traffico di traghetti di linea ed unità da diporto che sta caratterizzando questo primo scorcio di stagione estiva. La Capitaneria di porto di Gaeta ha immediatamente informato la Prefettura di Latina, oltre a vietare nello specchio acqueo interessato la navigazione e qualsiasi altra attività connessa con l’uso del mare, tramite apposita Ordinanza.

La Prefettura ha quindi richiesto l’intervento di personale specializzato del COMSUBIN della Marina Militare, avvenuto ieri mattina con militari e mezzi del Nucleo SDAI del Gruppo Operativo Subacquei, di stanza al porto di Napoli.

L’ordigno, dopo esser stato riconosciuto come una bomba di aereo risalente alla Seconda Guerra Mondiale, è stato messo in sicurezza e rimorchiato fuori dall’ambito portuale da una motovedetta della Guardia Costiera di Formia.

Si è quindi proceduto al brillamento a circa sette miglia al largo di Punta dello Stendardo del porto di Gaeta con un fondale di oltre 70 metri, ad una distanza e una profondità adeguate a garantire la sicurezza delle operazioni e a tutelare l’ambiente marino. A supporto delle attività nella cornice di sicurezza in mare è stata impiegata anche una motovedetta della Guardia Costiera di Gaeta.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto