cronaca

Incidente sul lavoro a Cisterna, muore un operaio

L'assessore Di Berardino: "Vogliamo chiarezza"

CISTERNA – Incidente sul lavoro questa mattina in un cantiere a Cisterna. Un operaio è morto in via Bufalareccia in zona Le Castella per cause che sono in corso di accertamento. Sul posto sono intervenuti gli agenti della polizia locale e gli ispettori dell’Azienda sanitaria di Latina.

Nel pomeriggio è arrivata anche una nota di cordoglio dell’assessore Claudio Di Berardino: “Come Regione Lazio esprimiamo le nostre condoglianze alla famiglia dell’operaio che stamattina ha perso la vita a Cisterna di Latina – ha commentato l’assessore regionale al Lavoro Claudio Di Berardino – e chiediamo che venga fatta chiarezza sulle dinamiche dell’accaduto. La sua morte, purtroppo, segue altri gravi incidenti sul lavoro in edilizia avvenuti anche in concomitanza con la ripartenza delle attività. Come Regione sono molteplici gli interventi che portiamo avanti, dagli incentivi per la formazione, ai tavoli di concertazione con le parti sociali, dagli appelli per il rispetto delle regole fino alla definizione di un testo di legge regionale in materia di salute e sicurezza ora all’esame del Consiglio regionale. In particolare per quanto riguarda l’edilizia, abbiamo aperto un tavolo istituzionale permanente con l’obiettivo di definire alcuni punti chiave per estendere e potenziare la sicurezza nei cantieri. Sono cinque i punti chiave elaborati per la definizione di un vademecum in edilizia, con l’obiettivo di individuare nello specifico le problematiche e le soluzioni. Questi sono: informatizzazione delle notifiche e la costituzione  di un’anagrafe dei cantieri;  estensione del Durc congruità; un’organizzazione del lavoro centrata sulla sicurezza; potenziamento della formazione. La fase di ripresa non deve generare fretta o superficialità nell’applicazione delle norme. Anzi, oggi più che mai, è necessario una scrupolosa e puntuale applicazione di tutte le regole che permettono ai lavoratori di operare in sicurezza”.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto