le voci

Il gioco entra in classe, i ragazzi del Grassi premiati all’Hellana Games di Agliana

Nel week end saranno al Play Modena

LATINA – Inizia tutto un anno fa per recuperare la socialità che i ragazzi hanno perso durante la pandemia. E così una classe del liceo matematico del Liceo Scientifico G.B. Grassi di Latina inzia a scoprire il gioco da tavolo, e in particolare il wargame. Non un gioco comune e neanche scontato, ma che preso è diventato materia di approfondimento didattico perchè collega varie discipline, dalla storia alla matematica passando per la letteratura. E i ragazzi, tutti 16enni, se ne sono innamorati. Così il wargame ¡¡No queda sino batirnos!! è stato presentato alla manifestazione Hellana Games 22 e il tavolo dimostrativo allestito per presentarlo è stato premiato come Miglior tavolo a partecipazione. Il premio riconosce la capacità che questi ragazzi hanno saputo dimostrare nel coinvolgere il pubblico, esperti wargamer o semplici curiosi, attorno al loro gioco.

Per far capire che tipo di esperienza è stata questa abbiamo parlato con Francesco Scaldarella, uno degli studenti della classe che ha ideato il regolamento

Il wargame storico, come quello realizzato da questi ragazzi, è un gioco che ha l’obiettivo di ricreare, simulare, particolari eventi storici. Nel nostro caso il gioco è pensato per ricostruire le battaglie combattute nel nostro continente nel 1600, il secolo della Guerra dei trent’anni. Le miniature, i soldatini, sul tavolo rappresentano i protagonisti dei reali scontri e il regolamento da una parte descrive le caratteristiche di questi soldati attraverso una serie di valori, numeri e particolari abilità; dall’altra delinea le procedure che i giocatori devono seguire per manovrare e far combattere – per finta – le truppe sul tavolo. Una volta schierati i propri eserciti, spesso seguendo le fonti storiche originali, la battaglia può iniziare ma non è detto che il finale sia lo stesso che ottennero i protagonisti all’epoca.

E non è tutto i ragazzi sono stati invitati in questo week end a Modena, per partecipare al Play Moden, la più importante manifestazione italiana dedicata ai giochi “analogici”.

Ne abbiamo parlato con il professore che l’ha seguito durante tutto il percorso, Gualtiero Grassucci

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In Alto