ASCOLTA RADIO LUNA ASCOLTA RADIO IMMAGINE ASCOLTA RADIO LATINA  

attualita'

Latina, al via la stagione balneare. Tutte le novità e i divieti nell’ordinanza del Comune

Gli stabilimenti dovranno necessariamente partire entro il 1 giugno

LATINA – E’ stata pubblicata sull’albo pretorio del Comune di Latina l’ordinanza con cui il commissario Carmine Valente dà il via alla stagione balneare di Latina. Si è aperta ufficialmente ieri e terminerà il 30 settembre. Le attività delle strutture balneari autorizzate “inizieranno improrogabilmente entro il 1 giugno per terminare non prima del 15 settembre. Le strutture che intendano operare prima della data di inizio della stagione balneare stabilita per il corrente anno, nonché dopo la data di chiusura della stessa, potranno offrire tutti i servizi connessi all’attività di stabilimento ad eccezione della balneazione, nel rispetto dei vigenti titoli abilitativi per il mantenimento delle strutture stagionali”.  La balneazione è consentita dalle ore 9.00 alle ore 19.00.

ASSISTENZA E SALVATAGGIO – Il servizio deve essere sempre garantito e attivato da chiunque gestisce, a qualsiasi titolo, strutture o complessi balneari pubblici o privati che siano esse in concessione o convenzione, durante la stagione balneare entro i termini di apertura e chiusura delle attività balneari e/o di esercizio balneare è assicurato e attivo sulle spiagge libere del litorale
di Latina ove non diversamente segnalato, dalle ore 09.00 alle ore 19.00 .Le aree libere nelle quali non viene garantito il servizio di salvamento sono segnalate con specifica tabellazione del Comune di Latina redatta in più lingue, qualora all’interno della struttura balneare siano organizzate manifestazioni, eventi o iniziative di qualunque natura al di fuori dell’orario di balneazione che comportino, implichino o comunque lasciano prevedere l’utilizzo dello specchio acqueo antistante l’esercizio ai fini di balneazione, il servizio di salvamento deve essere mantenuto per l’intera durata dell’evento nelle forme previste per tutela e della sicurezza deve essere attivato un idoneo servizio di sorveglianza che scongiuri la balneazione fortuita fuori orario prevedendo un idoneo sistema di illuminazione dell’arenile di competenza.

KITE
L’Amministrazione comunale – si legge nell’ordinanza – per favorire lo svolgimento in sicurezza delle attività di kitesurf, si riserva di installare in via sperimentale, nelle immediate vicinanze della Foce del Duca (tratto B Capo Portiere –Rio Martino), idonei corridoi di lancio secondo le prescrizioni dell’Autorità Marittima.

DIVIETI
Non è possibile lasciare natanti in sosta, distendere, alzare o far atterrare vele ed aquiloni per la pratica del surf o kitesurf , qualora comporti intralcio o molestia al sicuro svolgimento dell’attività balneare, fatta eccezione di quelli destinati alle operazioni di assistenza o salvataggio. Lasciare sulle spiagge libere, oltre il tramonto del sole, ombrelloni, sedie a sdraio, tende e/o loro parti o
altre attrezzature comunque denominate. Occupare con ombrelloni, sdraio, sedie, sgabelli, asciugamani, tavoli, mezzi nautici – ad eccezione di quelli di salvataggio – la fascia di arenile profonda 5 metri dalla linea di battigia, destinata esclusivamente al libero transito con divieto di permanenza. Quando l’arenile è profondo meno di metri 15, l’ampiezza della fascia di cui sopra, non deve essere inferiore ad un terzo della profondità. Sulle spiagge libere del litorale di Latina possono essere installati ombrelloni o similari, intendendosi per tali strutture leggere, semplicemente appoggiate o infisse nella sabbia, senza pavimento e fondamenta o altri tipi di ancoraggio e prive di tamponamenti laterali. Tali strutture devono avere una forma regolare e la relativa proiezione a terra deve essere iscrivibile in un quadrato dalle dimensioni massime di 2,5 mt X 2,5 mt ed una altezza massima di mt 2,30. Non è possibile praticare qualsiasi gioco (ad es. calcio, tennis da spiaggia, pallavolo, basket, bocce, ecc.) o altre attività ludiche e/o sportive, se può derivare danno o molestia alle persone, turbativa alla quiete pubblica, nonché nocumento all’igiene dei luoghi. Non si possono introdurre animali per motivi igienico – sanitari e di pubblica incolumità, ad eccezione dei cani muniti di microchip, iscritti all’anagrafe canina e provvisti di museruola e/o guinzaglio di lunghezza non superiore a mt. 1.50 e a condizione che gli accompagnatori siano muniti di apposito sacchetto igienico per la raccolta delle deiezioni solide sull’arenile, e che provvedano ad aspergere e dilavare immediatamente le deiezioni liquide con abbondante acqua di mare. E’ facoltà dei concessionari prevedere, eventualmente, aree destinate all’accoglienza di tali animali nell’ambito delle rispettive concessioni demaniali, a condizione che vi siano strutture per le quali il servizio veterinario della ASL competente per territorio rilasci il nullaosta sanitario a garanzia del benessere degli animali e del rispetto dell’igiene pubblica.
Il commercio itinerante sulle aree demaniali marittime con finalità turistico-ricreative è soggetto al preventivo nulla osta dell’Ufficio Demanio Marittimo del Comune. L’esercizio delle attività
commerciali, è consentito dalle ore 09.00 alle ore 18.00.

Il Comune di Latina, per la corrente stagione balneare e nei limiti della spiaggia libera, può rilasciare autorizzazioni per manifestazioni sportive, turistiche e ricreative a favore di Enti pubblici e Associazioni senza scopo di lucro, nonché a soggetti in regime Onlus purché convenzionati con Enti pubblici o patrocinati da Enti Pubblici, per periodi non superiori a 20 giorni non prorogabili e/o rinnovabili sulla medesima porzione di demanio marittimo e nei tratti immediatamente adiacenti.
Nelle more della revisione e approvazione del nuovo piano di utilizzazione degli arenili, le attività sportive ricorrenti, ritenute tali da arrecare potenzialmente danni o molestie alle persone, in particolare, la pratica del kitesurf, windsurf e similari e/o il noleggio di acquascooter e similari, nel rispetto delle regole dettate dall’ordinanza di sicurezza balneare dell’Autorità Marittima e regolamento di disciplina del diporto nautico dovranno avvenire utilizzando esclusivamente i corridoi di lancio pubblici o autorizzati.

 

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto