infrastrutture

Roma-Latina, tavolo in Comune l’11 luglio con Anas e territori

Mancano le risorse e i Comuni si riuniscono per sollecitare insieme il Ministero

Il sindaco Coletta e l’assessore Buttarelli

LATINA – L’iter per l’avvio dei cantieri della Roma-Latina è concluso: pronto il progetto, via libera sul fronte della compatibilità ambientale, della localizzazione urbanistica, dell’apposizione del vincolo che servirà per gli espropri, manca solo il pronunciamento del Consiglio di Stato sul ricorso presentato dall’Ati Salini Impregilo (seconda classificata nella gara per l’affidamento della progettazione e dei lavori), ma il Tar del Lazio si è già espresso con sentenza dello scorso 29 marzo che darebbe il via libera alla firma del contratto di concessione. E soprattutto mancano un bel po’ di risorse, fatto che rende i tempi quanto mai incerti e per questo obiettivo i Sindaci dei comuni interessati al tracciato tenteranno di definire una posizione comune per sollecitare il Ministero.

Per questo si riunirà l’11 luglio il tavolo convocato dal Comune di Latina con il Presidente di Autostrade del Lazio Raffaele Stajano, i tecnici dell’Anas e i Sindaci di Anzio, Aprilia, Ardea, Cisterna, Latina, Nettuno, Pomezia, per valutare la documentazione (richiesta e ricevuta dall’Anas) riguardo al primo stralcio della Roma-Latina/Cisterna-Valmontone.  L’incontro, come anticipato in consiglio comunale dall’assessore all’urbanistica Gianfranco Buttarelli, servirà a superare le criticità dell’infrastruttura valutando con precisione l’impatto sui territori anche ai fini delle opere di compensazione.
Il primo stralcio dell’opera prevede tra gli interventi, oltre all’arteria principale (asse autostradale Roma-Latina), le complanari dallo svincolo di Aprilia Sud e di Latina Nord, la tangenziale di Latina, il miglioramento della strada provinciale Borgo Piave-Foce Verde. Per questo primo lotto di lavori, di importo pari a 2.063,047 milioni di euro, già è stato stanziato un contributo pubblico di 468,125 milioni di euro. Per il completamento dell’opera che include, quale secondo stralcio, la realizzazione della bretella Cisterna-Valmontone è necessario un ulteriore contributo di circa 500 milioni di euro per un costo complessivo di 2.782,65 milioni di euro.

“Al momento l’intervento di completamento non risulta finanziato ma poiché lo stesso costituisce un completamento logico-funzionale è ragionevole ritenere che l’opera verrà completata nella sua interezza” scrive nella sua relazione Autostrade del Lazio.

 

3 Commenti

3 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto