SUPERLEGA

Vince la Top Volley al tiebreak contro Vibo Valentia

Fuori dalla Coppa Italia nonostante la vittoria per 3-2 (25-21, 21-25, 22-25, 25-22, 18-16)

15327292_1160866484009040_3023082685359422163_n

LATINA- Nell’ultima giornata di andata la Top Volley ha ospitato al PalaBianchini di Latina la formazione del tecnico argentino Kantor Waldo, Tonno Callipo Vibo Valentia per giocarsi l’entrata in Coppa Italia. Finita al tiebreak a favore della formazione di casa per 3-2 (25-21, 21-25, 22-25, 25-22, 18-16) non è riuscita nell’obiettivo “Coppa Italia” con Molfetta che si è guadagnata il dodicesimo posto conquistando un punto sul campo contro Trento. Coach Daniele Bagnoli dispiaciuto di aver mancato la Coppa “Dobbiamo essere contenti per questa vittoria. Ci manca quel punticino che ci avrebbe dato l’accesso alla Coppa. Siamo stati sempre attaccati alla gara, dobbiamo essere positivi e soddisfatti della gara. In questo campionato si sono delineate due fasce, Vibo è una delle migliori della seconda, dobbiamo giocarcela con il nostro gruppo per cercare di scalare la classifica”.

Il tecnico argentino Kantor schiera Coscione al palleggio e Rejlek opposto, Barone e Costa al centro, Geiler e Kadu schiacciatori, Marra libero. Tra le mura di casa Bagnoli può contare sulla volpe Alessandro Fei opposto in coppia con Sottile in regia, Strugar indossa una visibile maschera sul viso, Rossi e Gitto centrali, il capitano Maruotti e il belga Klinkenberg schiacciatori con Fanuli libero.

Nel primo set Vibo si porta avanti di due, poi Fei segna il primo punto pontino mandando Maruotti al servizio. Barone sbaglia dai nove metri (4-5) poi Costa mette a terra il settimo punto per Vibo. Fei recupera e Latina trova il 7 pari poi continua il parziale in sostanziale equilibrio, l’attacco vincente di Rossi vale il 9 pari. Primo allungo di Latina con l’ace di Klinkenberg (13-11) e sul vantaggio pontino Kantor chiama il time out.  Gitto trova il +1 dopo il pareggio di Vibo (14-13), si gioca punto a punto. Due attacchi out prima Maruotti dopo Fei ed è Bagnoli questa volta a fermare il tempo. Il capitano si fa subito perdonare sul 15 pari poi trova il vantaggio del 18-16. Due servizi sbagliati per Vibo che manda Latina a quota 20 e con l’ace di Klinkenberg arriva un altro time out sul 22-19 per la formazione di casa. Entra Pistolesi al servizio su Gitto sul 23-20, muro vincente per la Tonno Callipo poi Rossi trova il set point e chiude Fei per 25-21.

L’inizio di secondo set vede Vibo in vantaggio 4-7,  mantiene le lunghezze la formazione ospite (6-11). Gitto e Maruotti ci provano (8-12) ma con il 14esimo punto di Vibo Bagnoli chiama time out. Il tecnico pontino prova la carta Penchev che entra su Klinkenberg sul 9-14 e mette giù il decimo punto il neoentrato bulgaro. Massimo vantaggio avversario +7 (10-17), Penchev segna anche il 12esimo e l’ace del 13-18. Funziona il muro di Latina e Fei accorcia le distanze con l’attacco vincente del 15-18. Altro ace per Rozalin Penchev (16-18) e dopo l’attacco di Maruotti torna Pistolesi al servizio. Vibo trova spazio sul muro pontino e sul 18-22 entra Quintana su Rossi che mette giù il punto numero 19 per la sua formazione. Il set point è a favore di Vibo Valentia che chiude per 21-25 come Latina nel parziale precedente.

1 pari. Terzo set 5-3 per Latina con Penchev confermato in campo, Fei trova le mani fuori del muro calabrese (6-5). Barreto invece l’otto pari poi Rejlek manda avanti i suoi. Vibo in vantaggio con un muro di Kadu per l’8-11 ma con Penchev e gli errori avversari Latina torna a meno uno (11-12). La Tonno Callipo resta in vantaggio, sul 13-15 entra Klinkenberg sul Capitano, ma gli avversari si tengono a distanza di sicurezza (16-20). Bagnoli ferma il tempo e richiama i suoi, al ritorno sul campo ci pensano Klinkenberg e Penchev a portarsi a -2 (19-21). Gitto mette giù due punti consecutivi , Latina a quota 21 punti, sul tabellone a meno due dagli avversari che chiudono anche questo parziale per 22-25 con Rejlek.

Latina parte bene nel quarto set  (7-5) poi l’ace di Penchev vale l’11-8 e nonostante il challenge chiesto da Kantor il punto è confermato ai pontini che costringono la Tonno Callipo al time out. Resta avanti la formazione di casa (17-14) poi Vibo pareggia i conti sul 18. Muro vincente quello di Latina con Maruotti e Gitto, vantaggio per i padroni di casa 21-20. Dopo l’attacco vincente di Gitto entrano in campo Pistolesi e Quintana su Gitto e Sottile, si gioca pallone dopo pallone sul 22 pari. Klinkenberg mette giù due punti consecutivi e trova il set point (24-22), tempo interrotto vanamente da Kantor perché Fei chiude il parziale per 25-22. Si va al tiebreak.

Klinkenberg al servizio ad inizio tiebreak, Fei trova manie out sul muro avversario per il primo punto pontino (1-3) vantaggio Vibo Valentia (3-7). Si cambia il campo sul +4 a favore della formazione ospite (4-8) entra Penchev che accorcia lo strappo con Fei (6-8). Time out Vibo e al ritorno sul campo Latina resta in partita, meno uno per i pontini  che riducono il divario (10-11), attacco vincente di Rejlek  che sbaglia poco dopo al servizio (11-12). Bravo Fanuli a difendere poi il capitano pareggia i conti,  senza pietà il muro di Maruotti vale il sorpasso locale e il time out ospite. Funziona il muro di casa e sul 15 pari Rossi mette giù la bomba del più uno. Si gioca punto a punto ma ne esce vincitrice la Top volley Latina per 18- 16 con Rozalin Penchev MVP della giornata senza però entrare tra le 12 squadre che parteciperanno alla Del Monte Coppa Italia per un punto, Molfetta arriva a quota 12 punti in classifica nella sfida contro Trento persa al tiebreak.  

Il centrale Andrea Rossi dopo l’ultima giornata di andata “sono dispiaciuto per non aver centrato la Coppa. Sfrutteremo questo periodo per lavorare. Ci stiamo scollando piano piano quella tensione per raggiungere a tutti i costi il risultato. Questo tiebreak è stata una grande prova di forza, è un buon auspicio per il girone di ritorno”.

Per quanto riguarda le statistiche Giulio Sabbi (Molfetta) rimane in cima alla classifica dei marcatori e sale a quota 300,di seguito Fernando Hernandez (Piacenza) con 291 punti e Tsvetan Sokolov (Civitanova) con 253; dei nostri Alessandro Fei con 173 che scavalca di un punto il capitano pontino Gabriele Maruotti a 172. Lo schiacciatore cubano Fernando Hernandez è primo negli ace con 32, inseguito dallo “Zar” Ivan Zaytsev (Perugia) e Luca Vettori (Modena) a 26 poi la volpe Fei con 13 ace. A muro Tsvetan Sokolov (Civitanova) con sette punti si riprende la prima posizione e si porta a 37, seguito da Marko Podrascanin (Perugia) con 33 e Svetoslav Gotsev (Sora) 31; i nostri centrali Andrea Rossi e Carmelo Gitto sono rispettivamente a quota 28 e 26 muri.
Per quanto riguarda le statistiche di squadra in attacco rimane al comando Civitanova con il 56,4% di palle positive, seguita da Trento al 53.2% e Piacenza 52.6%; decimo posto per Latina con il 47,4%. Negli ace rimane al comando Modena con una media set di 2.02 (101 con 237 errori), seguita da Civitanova con 1.68 (84 con 244 errori) e Perugia a 1.59 (81 ace contro 209 errori), tredicesima Latina con 1.02 (53 con 177 errori). Verona è la squadra che ha una media di muri a set superiore con 2.55 (120), seguita da Perugia 2.51 (128) e Ravenna 2.39 (129), ottava Latina 2.15 (112). I pontini sono la seconda squadra che ha commesso meno errori con una media a set di 5.37, dietro solo a Vibo 5.17 e davanti a Monza 5.52.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto