estate 2020

Ponza, depuratore in tilt e poca acqua: “Inaccettabile”

L'intervento del parlamehtare M5S Raffele Trano

Shares

PONZA – “Stiamo vivendo una stagione turistica difficilissima e tra i territori che stanno pagando il prezzo maggiore per la crisi economica generata dal coronavirus ci sono le isole minori. In un anno come questo trovo dunque ancor meno tollerabile quanto sta accadendo a Ponza, dove le attività commerciali stanno cercando di resistere e hanno atteso a lungo l’arrivo di turisti che ora lamentano, a ragione, i notevoli disagi a cui devono far fronte, tra miasmi e mancanza d’acqua”, è quanto dichiara il parlamentare di Formia del M5S Raffaele Trano.

Come sottolineato in questi giorni da diversi organi di informazione – aggiunge Trano –  il depuratore di Giancos è in tilt. A quanto pare a causa di una sversamento abusivo, per cui auspico che rapidamente le necessarie indagini portino ad individuare il responsabile, dall’impianto si levano forti miasmi che, sospinti dal vento, avvelenano l’aria anche sul centralissimo corso Pisacane. Ho letto delle rassicurazioni fornite da Acqualatina, ma nonostante le bollette salatissime pagate dagli utenti non vedo ancora soluzioni, mentre gli operatori commerciali dell’isola sono costretti ad assistere alla fuga dei turisti. A pesare sul turismo, e anche questo non è accettabile, ci sono poi le numerose zone che restano prive di acqua per la maggior parte della giornata. Non si può uccidere il turismo con una serie di difficoltà come quelle che si stanno registrando a Ponza. Quest’estate per ripartire ognuno deve fare la propria parte e distrazioni non sono consentite”.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto