crisi cooperative

Karibu’ e Aid, incontro in Prefettura a Latina

La Uiltucs: "Chiediamo garanzie per i lavoratori. Il Prefetto ci ha ascoltato"

LATINA – Si è svolto oggi, su richiesta della Uiltucs di Latina, un incontro con il Prefetto di Latina Maurizio Falco, con l’obiettivo di risolvere le ricadute sui livelli occupazionali della coop Karibù e Consorzio Aid. La Uiltucs ha spiegato quali sono le attuali criticità e l’impatto sociale che deriverebbe dalla non occupazione delle maestranze appartenenti agli affidamenti ex Coop Karibù e AID. A questo si aggiunge l’emergenza già in atto riguardante la mancata corresponsione dei salari per le numerose maestranze costrette ad incardinare la nota vertenza. Il Prefetto si è reso disponibile a farsi garante del buon andamento della procedura di affidamento pubblico. La Uiltuc chiede che vengano tutelati tutti i lavoratori appartenenti a ciascuna stazione appaltante, per evitare l’impatto sociale della perdita del posto di lavoro, il salario maturato e non versato e i livelli occupazionali. Ovviamente si chiede anche un incontro con i soggetti affidatari dei servizi e con le associazioni datoriali rappresentative del Comparto.

“Come Uiltucs Latina – spiega Gianfranco Cartisano, segretario del comparto – oltre alle problematiche causate dalla Coop Karibu e AID abbiamo la necessità di rispristinare e sensibilizzare un modello di politiche nel settore dell’accoglienza ed integrazione diverso, virtuoso e soprattutto dignitoso per i lavoratori, il settore le cooperative i soggetti che gestiscono i progetti possono e debbono tener conto di questa forza lavoro devastata da una cattiva gestione. I lavoratori devono essere ricollocati nel settore e ognuno per il proprio ruolo deve fare la sua parte, lo spazio occupazionale esiste. Chiediamo un tavolo istituzionale con tutte le parti del comparto accoglienza che deve servire a voltare una brutta pagina della nostra Provincia. L’obiettivo è ricollocare i veri addetti dell’accoglienza e dell’integrazione i soli che hanno gestito con professionalità ed hanno pagato il prezzo più alto della cattiva gestione delle cooperative”.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto