I sindaci di Latina, Pescara e Parma contro la soppressione delle sedi del Tar

Questa mattina il primo incontro a Roma tra Di Giorgi e il presidente della Regione Abruzzo, D'Alfonso

Shares

dalfonso-degiorgi-orizzontale

LATINA – Un’azione congiunta volta a scongiurare la soppressione delle sedi del Tar, è quella condotta dai primi cittadini di Pescara, Latina e Parma. Questa mattina, il primo passo, il sindaco di Latina Giovanni Di Giorgi, ha incontrato infatti, a Roma il presidente della Regione Abruzzo, Luciano D’Alfonso, che svolgerà la funzione di  coordinamento tra i tre Comuni interessati. L’obiettivo è proprio quello di concordare un’azione comune tra le diverse realtà istituzionali, coinvolgendo Marco Alessandrini sindaco di Pescara, e Federico Pizzarotti sindaco di Parma.

“L’incontro di oggi – si legge nella nota congiunta –  rappresenta un primo momento concreto di condivisione istituzionale finalizzato ad evitare la chiusura delle sedi Tar delle tre città e portare avanti la nostra proposta alternativa e condivisa. Questa iniziativa interistituzionale punta a promuovere anche una mobilitazione dei parlamentari dei territori interessati in modo da portare la questione all’attenzione diretta del Governo. Le città di Latina, Pescara e Parma, le uniche tre in Italia rimaste interessate dalla soppressione dei Tar, sono decise a portare avanti una comune azione in difesa di oggettive ragioni contrarie alla soppressione dei Tar, con l’effetto di un inevitabile rallentamento del complessivo sistema della Giustizia Amministrativa regionale e un impoverimento complessivo delle tutela del cittadino nei riguardi delle istituzioni. L’11 settembre – continuano Di Giorgi e Alessandrini – abbiamo già fissato un nuovo incontro a cui prenderanno parte i tre sindaci e il presidente D’Alfonso, per meglio individuare il percorso da seguire in difesa dei tre tribunali amministrativi e prevedere iniziative per chiedere al Governo di non sopprimere le sedi Tar delle tre città”.

Il sindaco di Latina ha aggiunto: “L’iniziativa prevede anche di trattenere in capo ai Comuni il costo di utilizzo dei locali destinati agli uffici del Tar, in maniera che l’obiettivo del contenimento della spesa veda anche un coinvolgimento responsabile degli enti locali”. Il sindaco di Latina Di Giorgi e il sindaco Alessandrini hanno ringraziato il presidente D’Alfonso per l’azione di coordinamento tra i tre Comuni interessati ed hanno evidenziato come la cancellazione delle sedi sia pregiudizievole per la tutela della legalità, dei diritti dei cittadini e del buon funzionamento delle amministrazioni pubbliche.

 

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto