blitz della forestale

Centro stoccaggio rifiuti speciali anche pericolosi: tutto abusivo

Sequestrata un'area di 3mila metri quadri a Sabaudia. Rischio di inquinamento del suolo e delle falde acquifere

Shares

[flagallery gid=416]

SABAUDIA – Scoperto e sequestrato un vasto centro di stoccaggio di rifiuti speciali pericolosi e non, completamente abusivo. Blitz del Corpo Forestale dello Stato nel comune di Sabaudia, nelle campagne situate nei pressi di via Portosello, nell’ambito dell’operazione per il contrasto dei reati ambientali.

Gli agenti del Comando Stazione Forestale di Terracina hanno scoperto nei giorni scorsi una vasta area di 3.000 metri quadri parzialmente pavimentata con malta cementizia, adibita illecitamente al recupero e stoccaggio di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi.

Un imprenditore del luogo di 50 anni, specializzato nelle attività di movimento terra e ristrutturazioni edilizie aveva messo in campo una fiorente attività di stoccaggio e recupero di rifiuti speciali senza alcuna autorizzazione in una zona a destinazione agricola.

“Oltre 400 metri cubi di rifiuti erano direttamente a contatto con il terreno, creando un potenziale pericolo di inquinamento per il suolo e le falde acquifere”, spiegano gli agenti della Forestale.

Tutta l’area è stata posto sotto sequestro giudiziario e il responsabile è stato denunciato per gestione illecita di rifiuti, nonché per violazione urbanista, per aver trasformato una zona agricola come previsto dal PRG, in area industriale senza alcun tipo di autorizzazione.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto