sindacale

Latina Ambiente: il Comune proroga il servizio

Ugl: continuità del servizio e garanzia lavorativa per i dipendenti

I lavoratori della Latina Ambiente manifestano sotto il Comune

I lavoratori della Latina Ambiente manifestano sotto il Comune

LATINA – L’attesa è terminata, è di oggi  la notizia che il socio pubblico di Latina Ambiente concederà la proroga alla società garantendo: la continuità del servizio, ma soprattutto la garanzia di una continuità lavorativa per i dipendenti. A comunicarlo è l’Ugl Igiene Ambientale e la Filas che continuano a monitorare in maniera costante quello che accade nella più grossa azienda del Comune di Latina in attesa del 18 dicembre, “giorno in cui il Presidente del Collegio Sindacale Quattrociocchi ha convocato i due soci, per un nuovo confronto, nella speranza che condividano il nuovo percorso tracciato dal Socio pubblico”, spiega il segretario provinciale Ugl Igiene Ambientale di Latina, Anna Moretti.

“Attendiamo la delibera per capire meglio i contenuti della proroga – continua la sindacalista – ringraziamo chi ha sempre manifestato una responsabilità sociale verso i dipendenti ma, con la stessa responsabilità, chiediamo che la proroga non diventi un’agonia. Nei mesi scorsi, abbiamo congelato qualsiasi forma di protesta per dare ai cittadini di Latina una città pulita in cui vivere, ma soprattutto per evitare qualsiasi strumentalizzazione a danno dei lavoratori”. Fa eco alle dichiarazione della Moretti, anche il componente della Segreteria  Regionale Ugl, Armando Valiani “prendiamo atto della proroga concessa dal Comune di Latina alla Società Latina Ambiente, sia per l’igiene edilizia che per quella urbana; ma nello stesso tempo sentiamo forte l’esigenza, come sindacato, di aprire subito un confronto con la Società per analizzare e comprendere meglio i contenuti della proroga e del piano industriale e di investimento di Latina Ambiente.Abbiamo il timore che l’affidamento possa essere solo posticipato a dopo il periodo natalizio, riportandoci al punto di partenza di questa complicata vertenza”.
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto