raccolta ai minimi

Olive e olio, l’anno nero

Intervista al presidente di Aspol Cosmo Di Russo

L'imprenditore Cosmo Di Russo presidente dell'Aspol controlla le olive raccolte e pronte per la spremitura

L’imprenditore Cosmo Di Russo presidente dell’Aspol controlla le olive raccolte e pronte per la spremitura

GAETA – “La produzione delle olive è al di sotto di ogni aspettativa, addirittura meno di due anni fa”. Cosmo Di Russo, presidente provinciale dell’Aspol di Latina e olivicoltore tra i più premiati, conferma il dato catastrofico del settore. Tra clima che ha danneggiato la fioritura e parassiti, la perdita è del 65% circa con la conseguenza che il prezzo finale dell’olio che è un’eccellenza locale,  rincarerà. “C’è davvero poco olio in giro, il mio consiglio è cercarlo il più vicino possibile per avere garanzie di acquistare un prodotto di qualità”, spiega l’imprenditore che resta comunque fiducioso nella capacità attrattiva di un settore che va giudicato e osservato con sguardo lungo.

“L’olio è un marchio per il nostro territorio, ma è anche strumento di promozione e di conservazione. E può essere una miniera per i giovani”. Ne abbiamo parlato in Qui Latina su Radio Luna

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto