verso il 1 gennaio

Abc, conclusa la procedura burocratica, l’azienda per i rifiuti può camminare

Oggi in Commissione Ambiente votati contratto di servizio e capitolato

LATINA – «La procedura burocratica può dirsi conclusa, il prossimo passaggio sarà in Consiglio Comunale. Azienda ed Amministrazione hanno fatto la loro parte confermando le scadenze per come erano state annunciate». Con queste parole il Presidente del Cda dell’azienda per i beni comuni Demetrio De Stefano ha commentato la seduta della Commissione Ambiente che questa mattina ha dato  parere favorevole a due documenti di fondamentale importanza per il funzionamento dell’azienda chiamata a gestire dal 1 gennaio il servizio di raccolta dei rifiuti.

“Il contratto e il capitolato speciale approvati oggi contengono tutte le regole, gli obiettivi e le modalità di esecuzione del servizio  – spiega in una nota l’assessore all’Ambiente Roberto Lessio – che garantiranno tra le altre cose l’efficacia dell’operato dell’azienda di nuova costituzione”.

«Tre sono i pilastri indispensabili per la riuscita del progetto – ha sottolineato il Presidente del cda De Stefano – un’amministrazione che creda nell’importanza della gestione pubblica del servizio, un’azienda che abbia tutte le carte in regola per svolgerlo con efficienza ed economicità, i cittadini che cooperino per raggiungere il traguardo di legge del 65% di raccolta differenziata aderendo pienamente ai principi e agli orientamenti europei sull’economia circolare per cui i rifiuti rappresentano per le comunità una risorsa e non un problema».

Nel corso della seduta è emersa l’importanza del controllo da parte dell’Amministrazione, sia sull’operato della nuova azienda, sia sul territorio. «E’ una fase di cambiamento radicale per la città – afferma il Presidente della Commissione Ambiente Dario Bellini – ci affranchiamo finalmente da una gestione disastrosa. Fa riflettere in tal senso che i curatori fallimentari della Latina Ambiente in un solo anno di esercizio abbiano prodotto utili pari a un milione e mezzo di euro».

 

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto