verso il passaggio

Abc, il logo dell’azienda dei rifiuti disegnato dagli studenti dell’Artistico di Latina

Il lavoro sarà presentato giovedì insieme con il direttore generale Berbardini

LATINA  – Alla vigilia della gara per l’acquisizione dei mezzi, dall’asta fallimentare  della Latina Ambiente, Abc la nuova azienda comunale chiamata gestire il servizio di  raccolta e smaltimento dei rifiuti a Latina dal 1 gennaio, si dà anche una veste grafica, quella che hanno progettato gli studenti del Liceo Artistico di Latina, attesa al debutto.

Giovedì 21 dicembre, infatti, alle 9.30, nella sala Enzo De Pasquale del Palazzo comunale, verranno presentati alla città e alla stampa il nuovo direttore generale Michele Bernardini (nominato lo scorso 5 dicembre) e  il logo dell’Azienda per i Beni Comuni creato dalle  classi di grafica del liceo di Latina che hanno presentato diverse proposte e attendono la decisione su quello che sarà giudicato più appropriato.

“I lavori  – spiegano dal Comune – sono stati preselezionati dai docenti, poi sono passati al vaglio dell’amministrazione e del Consiglio di Amministrazione di Abc che hanno scelto la proposta ritenuta più interessante. Nel corso dell’incontro il Presidente del CDA, Demetrio De Stefano, proclamerà il logo vincitore”.

Parteciperanno all’incontro anche gli studenti, il dirigente scolastico Walter Marra e i docenti Spina, Testa e  Cocco che hanno coordinato il lavoro a scuola. Mentre i professori Ferrarese e Cardoni presenteranno i progetti realizzati nell’ambito del programma Eco Schools per la sensibilizzazione sui temi ambientali e la raccolta differenziata e le attività di un altro percorso, “Arte e Polis”, finalizzato a rendere gli studenti partecipi della comunità e consapevoli del territorio in cui vivono attraverso l’espressione artistica.

Nel corso della presentazione la consigliera del Cda Linda Faiola, parlerà di economia circolare mentre il Sindaco Damiano Coletta illustrerà anche ai ragazzi la mission dell’Azienda e la strategia dell’Ente.

 

 

 

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto