il passaggio ad Abc

Fallimento Latina Ambiente, in un anno di curatela 1,5 milioni di utili. Bellini: “Prima i conti erano sempre in rosso”

Oggi in commissione contratto di servizio e capitolato che il 28 passeranno al vaglio del Consiglio comunale

LATINA – Negli ultimi giorni di vita della Latina Ambiente, i curatori fallimentari hanno tirato le somme della gestione durata un anno e che si concluderà fra una settimana con il passaggio del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti alla neonata ABC.

“In un solo anno di gestione da parte della curatela, la partecipata ha prodotto utili di gestione per 1.5 milioni di euro”,  riferisce il consigliere e capogruppo di Lbc in consiglio comunale, Dario Bellini ricordando che la situazione prima della procedura fallimentare era ben diversa e che i conti della partecipata del Comune erano sempre in rosso. “Se questo dato (gli utili dell’ultimo anno) lo affiancassimo ai dati di gestione che hanno portato in pochi anni al fallimento della società in oggetto, qualche domanda dovrebbe sorgerci spontanea”, conclude Bellini.

COMMISSIONE E POI CONSIGLIO – Intanto questa mattina si riunisce la commissione consiliare chiamata a dare il parere sul nuovo contratto che legherà il Comune alla Abc e sul capitolato speciale che insieme regolamenteranno il servizio e stabiliranno nel dettaglio i doveri del gestore. Poi, il 28 dicembre, il consiglio comunale sarà chiamato ad approvare i due documenti, secondo un programma di marcia fittissimo. (il giorno prima, il 27, è previsto il tavolo con i sindacati per la riassunzione dei lavoratori). Secondo quanto detto ieri dal presidente del Cda di Abc, Demetrio De Stefano e dal direttore generale Michele Bernardini, infatti, il 1 gennaio la raccolta dei rifiuti avverrà sotto il controllo della costituita Azienda dei Beni Comuni.

 

2 Commenti

2 Commenti

  1. Antonio Loffredi

    Antonio Loffredi

    22 Dicembre 2017 alle 11:09

    qualche domandina su chi c’era prima noooo??? dai su…

    • Vinicio Sperati

      Vinicio Sperati

      22 Dicembre 2017 alle 11:58

      Non si risponde al malaffare con l’indifferenza alle leggi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto