politica

Elezioni regionali, via Rampelli e Gasparri, si fa insistente il nome di Parisi

L'ex candidato sindaco a Milano dato in pole position. Metterebbe d'accordo tutti, o quasi

Il centrodestra vuole spiazzare tutti alla Regione Lazio e per questa ragione sta cercando un candidato esterno. Non Rampelli (che non piace a Salvini) e si è già ritirato; non Gasparri (che non piace a Fratelli D’Italia), non Pirozzi (che non piace ai partiti). Si punta su un nome che metta d’accordo tutti, anche la società civile che si è stufata dei Berluscones, e quella che considera troppo estremi i fratelli della Meloni e  i salviniani.

Tra le indiscrezioni circolanti in queste ore, la più insistente è quella che riguarda l’ex candidato sindaco di Milano Stefano Parisi con cui Berlusconi ricucirebbe per risolvere il grattacapo del Lazio (Parisi è stato tenuto fuori con il suo Energie per l’Italia dalla coalizione di centrodestra). La voce è arrivata anche all’entourage di Zingaretti e ai primi giornali che la stanno pubblicando nelle edizioni on line. C’è chi azzarda che sia frutto dell’intuito di Ignazio La Russa.

Parisi, romano, 62 anni, socialista di nascita, moderato, ma già schierato, potrebbe essere l’uomo giusto per chiudere una trattativa che sta diventando imbarazzante per la coalizione di centrodestra. Quanto al sindaco di Amatrice Pirozzi, se il nome di Parisi sarà ufficializzato, deciderà che cosa fare.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto

CHIUDI IN BASSO A DESTRA