i controlli del Nas

Operatori non vaccinati nelle residenze per anziani della provincia di Latina

Controllate 23 strutture, in 16 riscontrate irregolarità

LATINA  – Controlli nelle residenze per anziani disposti in accordo con il Ministero per la Salute hanno portato i carabinieri del Nas di Latina e Frosinone,  in 23 strutture sanitarie dove sono state riscontrate irregolarità. E’ anche emerso che in alcune di queste residenze venivano impiegati operatori sanitari non vaccinati che lavoravano a contatto con pazienti fragili quando l’obbligo vaccinale, come è noto, vige da aprile e nel decreto è specificato che «la vaccinazione costituisce requisito essenziale all’esercizio della professione e per lo svolgimento delle prestazioni lavorative rese dai soggetti obbligati». Per sei di loro è scattata la segnalazione.

Carenze sono state rilevate dai militari in 16 casi per mancanza dei requisiti organizzativi e professionali con impiego di personale privo della qualifica operatore socio sanitario. E’ emersa la mancata redazione di documenti considerati essenziali per la tutela della sicurezza e dei lavoratori e in un caso erano state omesse le procedure di autocontrollo.  Contestate anche violazioni amministrative per un importo di circa euro 2.000.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto