Truffa da 150mila euro con i bollettini postali falsi

Nei guai un geometra di San Felice Circeo

finanza truffa

DUE IDENTICI BOLLETTINI POSTALI FALSI, CREATI DAL GEOMETRA, DEI QUALI QUELLO DI IMPORTO MAGGIORE ERA FORNITO AL CLIENTE, CON I PROVVEDIMENTI AMMINISTRATIVI ALTERATI, PER GIUSTIFICARE LE SOMME RICHIESTE E QUELLO DI IMPORTO MINORE, NECESSARIO PER LA PROSECUZIONE DELL’ITER AMMINISTRATIVO, ESIBITO AL COMUNE

SAN FELICE CIRCEO – Falsificava bollettini postali truffando sia il Comune di San Felice Circeo sia i suoi clienti ai quali chiedeva il rimborso di somme mai versate. Un geometra del posto è stato scoperto dalla Guardia di Finanza che lo ha denunciato.

All’attenzione dei finanzieri sono finiti diversi bollettini postali presentati dal professionista presso il Comune a corredo delle istanze per diritti connessi ad oblazioni, sanatorie, clienti. Quando gli veniva affidata la pratica, il noto professionista produceva due bollettini postali falsi (senza procedere ad alcun versamento), uno con l’importo richiesto dall’ente e l’altro, di importo maggiore, esibito al cliente alterando i provvedimenti amministrativi dell’ente. le Fiamme Gialle hanno sequestrato gli strumenti informatici utilizzati dall’uomo, contenenti le impronte di diversi uffici postali e 143 bollettini postali riferiti ad altrettante pratiche per un valore complessivo pari a 150.000,00 euro. La storia andava avanti dal 2010.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto