Crisi e prospettive i temi del direttivo provicniale dell’Ugl

A Latina era presente anche il segretario generale Paolo Capone

Ugl logo

Ugl logo

LATINA – Crisi, occupazione e prospettive di rilancio: sono stati questi i temi affrontati oggi nel corso del Direttivo provinciale dell’Ugl Latina che si è tenuto nella città pontina e al quale ha partecipato il segretario generale dell’Ugl, Paolo Capone.

Per il responsabile dell’Ugl Latina, Eliseo Fiorin, “si è trattato di un’importante occasione di confronto con i vertici nazionali del sindacato, soprattutto alla luce dello sciopero generale che abbiamo fissato per il 12 dicembre e al quale parteciperemo per far sentire al governo la voce di lavoratrici e lavoratori della nostra provincia, fra le più colpite dalla crisi e con tassi di disoccupazione giovanile alle stelle, problematiche alle quali non si darà certamente una risposta efficace né con il Jobs Act né con la Legge di Stabilità”.

Nella riunione Fiorin ha illustrato anche gli esiti del tavolo istituzionale di questa mattina su crisi e occupazione convocato dalla presidente della provincia di Latina, Eleonora Della Penna, e al quale hanno partecipato i rappresentanti della classe dirigente e delle istituzioni locali oltre che le parti sociali territoriali.

“Al tavolo – ha spiegato Fiorin – abbiamo ribadito la necessità di elaborare una strategia condivisa di rilancio nel più breve tempo possibile, perché per il nostro territorio conta più che mai la tempestività e l’efficacia delle azioni. La crisi che ha colpito le principali attività produttive pontine – ha aggiunto – è inoltre destinata ad aggravarsi con l’attuazione delle modifiche al sistema degli ammortizzatori sociali varate con la legge Fornero, lasciando senza paracadute molti lavoratori di aziende in difficoltà”.

“Abbiamo infine evidenziato come – conclude Fiorin – dare una risposta seria alla crisi sia il modo migliore per evitare che la disperazione alimenti la criminalità organizzata, in aumento nella provincia, cogliendo l’occasione per esprimere la nostra piena solidarietà a personalità di spicco nella lotta al crimine come il giudice Aielli, vittima di ignobili minacce”.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto