allerta meteo

Ripristinata la centrale Fiumicello che ha lasciato sette comuni senz’acqua

La nota degli addetti di Acqualatina. Bomba d'acqua a Salto di Fondi, evacuati nella notte due campeggi

[flagallery gid=411]

LATINA – E’ stata ripristinata la Centrale di Fiumicello colpita nella notte da un fulmine e che ha lasciato senz’acqua sette comuni Priverno, Prossedi, Roccasecca dei Volsci, Roccagorga, Maenza e Sonnino e in provincia di Frosinone Villa S. Stefano. Nel primo pomeriggio, Acqualatina con una nota ha comunicato che i lavori di riparazione sono conclusi e che nelle prossime ore, avrà luogo una progressiva normalizzazione del servizio in tutti i Comuni interessati.

LATINA – Dalle fiamme alla pioggia torrenziale, nottata da incubo per le squadre di emergenza dei vigili del fuoco a causa del maltempo, soprattutto nel sud pontino. La situazione più difficile a Salto di Fondi lungo la Flacca  in due campeggi, il Settebello e Mediterraneo. Sul tratto, una violenta bomba d’acqua ha reso necessaria l’evacuazione temporanea delle due strutture. Allagamenti a causa della cattiva manutenzione del sistema di drenaggio si sono registrati anche nel centro di Gaeta e a Serapo. Danni ad alcune abitazioni sul lungomare di San Felice Circeo, anche qui si è reso necessario l’intervento dei vigili del fuoco.

TRENI IN TILT – E lunedì a causa del maltempo è stata fortemente rallentata la circolazione ferroviaria sulla linea Roma-Formia. Forti scariche elettriche hanno provocato un guasto al sistema che regola il distanziamento dei treni fra Torricola e Pomezia. Due Intercity e sei regionali hanno registrato ritardi fino a 60 minuti, due regionali sono stati cancellati e altri due hanno avuto il percorso limitato. Lungo le linee – spiega rete ferroviaria Italiana – sono presenti le squadre di emergenza di Rete Ferroviaria Italiana, pronte ad intervenire per rimuovere gli ostacoli e ripristinare le normali condizioni di circolazione.

Un nubifragio ha causato allagamenti ad Anzio e Nettuno. Brutta paura per due bambini che lunedì mattina nei pressi di Foce Verde facevano il bagno con il salvagente e a causa dle forte vento che si è levato non riuscivano a tornare a riva. Per salvarli i genitori e alcuni bagnanti hanno formato un catena umana.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto