giudiziaria

Patenti facili, intercettazioni incomprensibili

Udienza del processo pay to drive, la parola al perito

Shares

tribunaleLATINA – Nuova udienza in Tribunale per l’inchiesta sulle patenti facili alla motorizzazione che aveva portato nel settembre del 2013 anche a diversi arresti. In aula il perito che ha fatto le trascrizioni delle intercetazioni ambientali ha sostenuto che sono incomprensibili. Subito dopo è stato il turno di un agente della polizia stradale di Latina che aveva condotto le indagini. Alla fine l’udienza è stata rinviata al 23 febbraio. L’operazione “Pay to drive” era scattata subito un servizio andato in onda su Striscia la Notizia e gli accertamenti della polizia avevano scoperto un sistema con cui pagando somme di denaro si superavano gli esami di guida per ottenere la patente.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto