avviso dalla procura

Affidamenti per il verde pubblico senza appalto, chiusa inchiesta per l’ex assessore Cirilli

Indagati anche dirigenti dell'Ambiente, funzionari comunali e presidenti delle coop affidatarie

SINDACO E CIRILLI AL CANTIERE 2LATINA – Sono quindici gli indagati nell’inchiesta sullo spacchettamento degli affidamenti per il verde pubblico. La Procura di Latina ha notificato l’avviso di conclusione indagini all’ex assessore all’ambiente del Comune capoluogo Fabrizio Cirilli, ai dirigenti e funzionari che hanno autorizzato gli atti e ai presidenti della cooperative che avevano in affidamento i lavori di manutenzione di parchi e giardini.

Il caso riguarda gli anni 2010-2014 e l’ipotesi è di aver aggirato la normativa sugli appalti pubblici che avrebbe dovuto affidare la manutenzione con una gara europea, mentre si scelse la strada della parcellizzazione degli interventi dati poi alle cooperative con affidamento diretto nella misura necessaria a non superare il tetto massimo consentito per evitare la procedura di evidenza pubblica e il bando.

L’inchiesta della Procura condotta dai pm Spinelli e Pigozzo portò alle dimissioni dell’allora vicesindaco Cirilli dopo che l’ex sindaco Giovanni Di Giorgi, chiese la rotazione degli incarichi di giunta, proponendogli la guida di un altro assessorato. Il leader de L’altra faccia della Politica, a quel punto, lasciò in aperto contrasto con il primo cittadino.

I reati ipotizzati a vario titolo oggi sono abuso d’ufficio, turbativa d’asta e falso.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto