teatro

Siamo uomini o Napoletani? Spettacolo al Costa

L'appuntamento domenica alle ore 18

Listener

SEZZE – Domenica 7 febbraio alle ore 18.00, presso l’Auditorium Costa, Sezze omaggia Napoli e lo fa attraverso lo spettacolo “Siamo uomini o napoletani?”, un viaggio tra riso e pianto, alla ricerca delle proprie radici. Radici che il protagonista percorre vivendo e presentando in scena tre stagioni e tre relativi stati d’animo: la voglia del futuro, la nostalgia del passato e l’umorismo del presente. Il viaggio si fa vita e nella vita incontriamo le maschere, le origini, i maestri. Tutto avviene dentro la sua città, Napoli. Tutto avviene alla ricerca di un equilibrio, di un ricordo, di uno sguardo. Via via scorrono uno dietro l’altro gli umori, i tic di un popolo sempre pronto al riso e al pianto, alle grida e al silenzio, un silenzio sofferto, un silenzio profondo. In scena un personaggio, un secondo e poi ancora un terzo. Comparse, un corpo di ballo e tanto altro ancora. Tutti insieme sul palcoscenico setino si dirigono alla scoperta del lato B della vita, alla scoperta di una città stupenda. Tra un monologo e una gag, la narrazione viene contrappuntata da canzoni, balletti e sketch. Non solo teatro ma tanta buona musica, rigorosamente dal vivo, diverse coreografie e videoclip. Le arti si alternano nella costruzione di un racconto avvincente, sempre crescente. Le immagini colorano ogni battuta, sullo sfondo i maestri di una vita. Dietro ogni parola, la visione di un popolo e la visione personale presentano un viaggio pieno di insidie, pieno di sé.
Il protagonista ripercorre i luoghi, le paure, le idee e i ricordi di una città. Niente è lasciato al caso, tutto cresce con le più disparate atmosfere partenopee. La purezza del passato, lo schiaffo del presente, la voglia e la rivincita del futuro: ieri oggi e domani siamo uomini o napoletani? Lo spettacolo è vita grazie all’idea e al lavoro del regista Fabio Tramontano che insieme alla compagnia MareChiaro, prova ad omaggiare Napoli, le sue mille vite e sfumature.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto