sabato 10 dicemnbre

A Formia un film-concerto per i caduti della Linea Gustav, tra Storia e povera gente

Al Remigio Paone il lavoro del musicista Alessandro Parente

il-maestro-alessandro-parente

il-maestro-alessandro-parente

FORMIA – Un film-concerto per onorare i caduti sulla Linea Gustav. E’: “Quello che la storia non racconta”, spettacolo curato dal musicista Alessandro Parente con il “Giardino della Pietra Fiorita”, in scena oggi sabato 10 dicembre alle ore 21 al teatro “Remigio Paone”.

L’evento, patrocinato dal Comune di Formia, si compone di due parti. La prima racchiude vicende cruciali del passaggio degli Alleati sui monti di Coreno Ausonio, punto strategico della linea Gustav. La seconda racconta il ritorno su quelle montagne dimenticate dalla Storia. Nel video compaiono personaggi del calibro di Moni Ovadia, Giovanna Marini, Lucilla Galeazzi e Piero Ricci che hanno voluto dare il loro contributo culturale ed emotivo al progetto.

La narrazione sarà accompagnata dalla musica di organetti e percussioni, da recitazione, canto e danza.”Alla grande Storia raccontata dal potere si accompagna  – spiega l’autore – la testimonianza della povera gente, quella che ancora oggi sopravvive al ricordo del passato. Il film-concerto nasce dalla necessità di far resistere i “cunti” nati all’ombra del monte Maio cui nel tempo è stato assegnato il compito di conservare la memoria di quei tragici momenti. L’obiettivo è di portare le persone in questi luoghi dimenticati e far conoscere alle nuove generazioni le storie e il vissuto dei nostri padri e delle nostre padri.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto