lo stop

I sindaci del ritorno all’acqua pubblica diffidano Acqualatina: “Fermi la vendita ad Acea, è illegittima”

Il parere pro-veritate: "Operazione nulla per contrarietà alla legge. E il gestore ha violato i suoi obblighi"

la sede di Acqualatina a Latina Fiori

LATINA – Stop alla vendita delle quote private di Acqualatina ad Acea: l’operazione è nulla perché attuata senza gara pubblica, senza aver comunicato ai soci pubblici alcunché e senza aver acquisito il loro parere. Che sarebbe stato comunque negativo.

Sul ritorno all’acqua pubblica i sindaci che vogliono riprendersi la gestione diretta del servizio idrico marciano decisi verso l’obiettivo. La strada è lunga, ma fino ad oggi le speranze non sono smarrite. A confortarli infatti c’è il parere pro-veritate formulato dal professor Alberto Lucarelli al quale avevano dato incarico di inquadrare la vicenda della cessione di Idrolatina (quote private ovvero il 51% del capitale) ad Acea E oggi, forti di quel parere, hanno preso la loro decisione: attivare le procedure di diffida nei confronti del gestore alla cessione della quota privata della società e dare mandato al presidente dell’Ato 4 Eleonora Della Penna di intraprendere tutte le azioni per difendere l’ente.

IL PARERE CHE DA’ RAGIONE AI NUOVI SINDACI – E’ tutto in una delibera nella quale viene riportato il parere di Lucarelli: “Vendere le quote private  ad altro operatore privato violerebbe l’obbligo di gara pubblica fissato dalla legge per la scelta del socio privato di una società mista e come tale sarebbe un contratto nullo”. Semplicemente e di più: farebbe venir meno i presupposti sulla base dei quali è stata affidata la gestione diretta senza gara ad Acqualatina, costringendo per giunta l’Amministrazione committente a revocare l’affidamento diretto. Serve dunque  – secondo il parere dell’esperto – una nuova gara e i soci  pubblici di Acqualatina potrebbero esercitare il diritto di prelazione  acquisendo essi stessi  dei privati e trasformando la società mista in società a capitale interamente pubblico e quindi in Azienda Speciale”.

Tanto basta per chiedere ad Acqualatina di fermare la procedura di vendita ad Acea, la quale peraltro ha già annunciato l’acquisizione di Idrolatina. Riservandosi, i sindaci  di attivare i poteri di autotutela nei confronti del provvedimento di affidamento diretto.

La delibera è stata votata da Formia, Gaeta, Cisterna, Latina, Itri, Roccagorga, Maenza, Sezze, Lenola, Norma, Pontinia, Terracina, Fondi, Monte San Biagio, Amaseno.

Si sono astenuti Bassiano, Nettuno e Aprilia.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto