intervista a Antonio Scarsella

Il fantasma del Duce a Latina

di e con Licia Pastore

LATINA – Nella redazione del più seguito giornale di Latina, a tormentare il direttore Vittorio Mezzanotte non è tanto la caduta del ventennale governo di Centro-Destra o il “nuovismo” della nuova amministrazione civica, né l’intitolazione dei “Giardinetti” ai magistrati-eroi Falcone e Borsellino o il fallimento della Latina Ambiente, bensì una serie di confidenziali e attendibili avvistamenti del fantasma del Duce. Come se non bastasse arriva l’appello a risolvere la misteriosa scomparsa di Quinto Milani, avvenuta all’indomani dal suo ritorno dalla guerra. E poi la petizione per un referendum che ripristini il nome di Littoria. Con l’aiuto dell’anziano psicologo Reggiani e di Giorgio, collega e amico, Vittorio si trova ad affrontare – quasi Dante o Virgilio – un percorso di conoscenza storica e di esperienze che travalicano il reale, e che lo porterà a superare la superficiale apparenza dei fatti e della storia come gli è sempre stata raccontata.

“Il libro trasporta il lettore in un viaggio ricco di suggestioni e riflessioni sull’odierna città “prediletta” dal Duce, scardinando luoghi comuni sulla città “prediletta” dal Duce, aprendo un attualissimo dibattito sul suo futuro”, racconta l’autore Antonio Scarsella al microfono di Licia Pastore

 

 

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto