rifiuti

Abc, la difesa del Presidente De Stefano: “Non siamo affatto allo sbando”

Il n.1 del Cda risponde dopo le indiscrezioni sul piano Contarina

LATINA – “Abc, non è affatto allo sbando”. Il presidente del Cda dell’Azienda per i beni comuni Demetrio De Stefano, interviene dopo le anticipazioni pubblicate dalla stampa circa i contenuti del piano industriale redatto da Contarina, azienda leader nella gestione dei rifiuti. De Stefano conferma che per lanciare l’azienda verso gli obiettivi chiesti dal Consiglio Comunale di Latina, servono investimenti per 20 milioni di euro, ma che non ci saranno aumenti per i cittadini come non ci sono stati fino ad ora.

Che il percorso intrapreso sia virtuoso lo confermerebbero – secondo De Stefano – le cifre del Piano Economico Finanziario che sono sostanzialmente invariate nonostante l’aumento della produzione dei rifiuti. “Azioni di razionalizzazione della spesa e di ottimizzazione dei servizi – afferma De Stefano – hanno quindi consentito di mantenere invariato il costo del servizio, pur in presenza di considerevoli incrementi dei volumi di rifiuti da gestire”.

Cerca poi il presidente di Abc di spiegare che è diversa la filosofia del piano di Contarina, che il risultato atteso è di assoluta qualità ma che la modalità di espletamento del servizio è diversa, quindi bisogna operare dei cambiamenti. “Per raggiungere questi obiettivi – spiega – bisogna operare investimenti”. Ecco i conti: “Prima erano stati stimati costi per 18 milioni di euro di cui 12 acquisibili attraverso un mutuo e 6 con altre forme di finanziamento, ora l’investimento complessivo è di 20 milioni da spalmare all’articolazione del servizio. Non si tratta quindi di stravolgere alcuna volontà per il resto ma semplicemente di attualizzarla”.

RICADUTE SUI CITTADINI – De Stefano tranquillizza anche i cittadini perché  – assicura   – “non ci sarà alcun aumento del tributo”, anche perché “il bilancio preconsuntivo 2018 presenta un utile di esercizio” e il bilancio previsione 2019 “conferma i risultati positivi”.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto