La Class Action contro Acqualatina nelle mani del professor Vaccarella: si va in Cassazione

Gli avvocati ottengono la consulenza e il sostegno del famoso giurista

LATINA – La class action contro Acqualatina non si ferma e incassa la consulenza del professor Romano Vaccarella. Il gruppo di legali  che sostiene l’azione collettiva, dopo la pronuncia della Corte D’Appello favorevole ad Acqualatina e che ha giudicato legittime le cosiddette partite pregresse chieste agli utenti in bolletta, ribadisce che proseguirà il suo percorso e critica non solo “alcune statuizioni di merito ma anche  le macroscopiche irregolarità procedurali”.

“Abbiamo ricevuto sollecitazioni da parte dei nostri partner, degli attori e degli aderenti per lo studio dell’ordinanza e della possibilità di sottoporla alla Suprema Corte per un vaglio sulla sua legittimità. Abbiamo allora voluto dare a tutti coloro che si sono fidati di noi e che hanno confidato nella definitività del provvedimento del Tribunale di Roma, inattaccabile e impeccabile sotto ogni profilo, il massimo giurista esistente in Italia in questo momento: il Prof. Avv. Romano Vaccarella, che non ha bisogno di presentazioni – spiegano in una nota – Il Professore ha accettato senza esitazioni di assistere il Comitato in questo difficile percorso dall’esito affatto scontato e ha inoltre sollecitato un ripensamento della Suprema Corte sulla normativa che disciplina la Class Action, spingendosi addirittura a chiedere una remissione alla Corte Costituzionale per la declaratoria di illegittimità dell’art. 140bis cod. cons. per violazione degli art. 24 e 111 Cost. nella parte in cui non prevede la ricorribilità per Cassazione dell’ordinanza di inammissibilità”.

Secondo i legali di Latina e del Sud Pontino che si sono uniti nella battaglia per ottenere trasparenza nelle bollette dell’Ato 4, non bisogna darsi per vinti perché “questo giudizio travalica i perimetri di una mera vicenda giudiziaria ed investe altissimi profili etici e sociali” e conforta l’appoggio di Vaccarella che condivide “la totale illegittimità dei recuperi tariffari insiti nelle bollette di Acqualatina”.

Nel corso dell’udienza davanti al Tribunale di Roma che si è tenuta ieri gli avvocati  hanno richiesto la sospensione della Class Action in attesa della decisione della Corte di Cassazione.

 

 

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto